Peppe Barra porta al Mercadante di Napoli “La musica dei ciechi” di Viviani

Il Teatro Mercadante di Napoli quest’anno festeggia il Natale con Raffaele Viviani e il suo capolavoro La musica dei ciechi, rinunciando al tradizionale appuntamento con la Cantata dei pastori portata in scena, abitualmente, dall’istrionico Peppe Barra, che questa volta si confronta con il testo del commediografo di Castellammare di Stabia.
La storia, in scena sul palco dello stabile napoletano da domenica 26 dicembre fino al 9 gennaio 2011, è ambientata in un presunto Borgo di Marinari del quartiere Santa Lucia, rifugio di suoni lontani, lingue straniere, voci consumate dal mare.
Un testo estremamente moderno per l’attualità dei temi affrontati, come l’emarginazione, la fame, la disperazione dell’uomo comune. «Il drammaturgo mette in scena una Napoli rabbiosa e violenta ma, allo stesso tempo, piena di follia e di amore», ha dichiarato Barra, interprete di Ferdinando, un contrabbassista ambulante geloso. «La pena che pervade tutto lo spettacolo rievoca lo stile di vita della città nel primo Dopoguerra. La cecità viene usata come metafora per parlare di uomini che si ostinano a non voler vedere quello che c’è intorno a loro. Viviani racconta tutto questo con grande poesia».
Una prova di certo impegnativa per l’interprete napoletano che si troverà contemporaneamente a confrontarsi, all’interno del contesto narrativo, con il crudo realismo di Viviani e con la sospensione onirica che la musica tende a evocare.
Insieme a Peppe Barra, sul palcoscenico, un cast di straordinari attori come Lalla Esposito nel ruolo della sposa Nannina, Patrizio Trampetti, il padrone impresario, e Adriano Mottola, l’ostricaro che “spaccia pettegolezzi”.

La musica dei ciechi
di Raffaele Viviani
dal 26 dicembre al 9 gennaio 2011
Teatro Mercadante di Napoli
regia Claudio Di Palma
con Peppe Barra, Patrizio Trampetti, Lalla Esposito

Valentina De Simone