Omosessualità: Uss Enterprise nei guai per video omofobo


Guai in vista per l’equipaggio Uss Enterprise: è stata annunciata un’indagine avviata dalla Marina militare americana per omofobia.

Risalgono al 2006 e al 2007 alcuni video compromettenti che vedono l’ufficiale superiore, Owen Honors, insieme ad alcuni membri dell’equipaggio, mentre allude a battute razziste e omofobe.

In una scena, il comandante sorprende due uomini che fanno la doccia insieme, lanciando insulti e battute omofobe varie, mentre in un altro frammento lo stesso superiore è in compagnia di due donne, pavoneggiandosi della virilità che può suscitare tale immagine.

È stato il comandante della marina, Chris Sims, a definire i filmati, “inappropriati”, per spiegare l’inchiesta avviata.

Il quotidiano The Virginian Pilot aveva reso nota la notizia relativa all’esistenza dei video, mostrandone una versione censurata.

Il capitano Owen Honors è stato identificato insieme ad alcuni marinai, i cui volti non sono stati resi riconoscibili in pubblico per non ledere la loro immagine.

All’epoca del video, Honors era dirigente esecutivo dell’Enterprise, e solo recentemente aveva preso un incarico molto più ambito.

Commenti indiscutibilmente omofobi, in sintesi, per i quali la Marina militare ha emesso un comunicato stampa, dichiarando inaccettabili i video pubblicati.

I protagonisti si erano giustificati affermando che quei filmati erano stati girati per puro scopo ricreativo, senza alcun intento offensivo.

Da alcune fonti, apprendiamo che i singolari sketch erano stati creati per attirare l’attenzione del personale della marina su questioni specifiche come visite al porto, la sicurezza del traffico, la tutela delle acque, la pulizia delle navi, e quant’altro.

Contrariamente agli intenti, però, i video sono stati mostrati ad oltre 6000 membri dell’equipaggio.

Nonostante siano stati pubblicati solo in questi giorni, soprattutto per merito del quotidiano The Virginian Post, i filmati sono stati realizzati tra il 2006 e il 2007, quando l’equipaggio Uss Enterprise era in missione in Iran e Afghanistan.

foto: Airman Rob Gaston

Carmine Della Pia