Book date: l’anima gemella si incontra in libreria

Incontrare l’anima gemella sembra essere un’impresa quasi impossibile così la “caccia” al partner perfetto diventa un gioco dove poter sfoderare le armi migliori in contesti diversi e situazioni talvolta bizzarre. Gli eventi organizzati con lo scopo di far nascere nuove storie d’amore sono ormai all’ordine del giorno,  internet è il primo dispensatore di inviti a cena e romantici week-end grazie ai numerosi siti dedicati proprio ai single in cerca di nuove conoscenze. Una delle ultime novità in fatto di incontri galanti però,  viene da un campo che forse non ci si aspetterebbe, quello della letteratura. Si chiama book date l’evento che concilia la passione per la lettura con il desiderio di trovare la dolce metà e, dopo il grande successo riscosso a Milano, il 15 gennaio 2011 sbarcherà anche a Roma.

Ma come funziona? È molto semplice, chi decide di partecipare dovrà dimenticarsi del proprio nome di battesimo e acquisire una nuova identità letteraria con cui si presenterà agli altri partecipanti (ad esempio: “piacere, sono Jane Austen”). Fondamentale è portare con sé il proprio libro preferito che sarà l’oggetto della discussione; cinque minuti d’orologio dovranno bastare a raccontare la trama, catturare e affascinare l’interlocutore. Allo scadere del tempo, l’uomo abbandonerà la sua donzella per passare alla postazione successiva e intavolare una nuova discussione con un’altrettanto nuova lettrice e probabile anima gemella. Alla fine di ogni racconto-incontro ogni partecipante compila una scheda di gradimento nella quale assegna un “sì” al partner interessante e un “no” a quello noioso, queste schede verranno poi ritirate e visionate dagli organizzatori dell’evento per trovare i reciproci “sì” e mettere in contatto le due affini anime letterarie.

Il book date è certamente un modo originale e intellettuale per fare nuovi incontri in cui perlomeno si parte da un punto comune a tutti: la passione per i libri. Aspetto non trascurabile dal momento che poche righe di un romanzo spesso riescono a raccontare più di quanto possano fare ore di chiacchiere davanti a un caffè. Una citazione, una poesia o il semplice titolo di quel libro che ha caratterizzato un momento particolare della nostra vita possono coinvolgere ed emozionare il partner e trasportarlo in un’atmosfera tutta nuova nella quale potrete essere gli autori guidando sapientemente le fila del vostro racconto. Si istaura un gioco di sguardi, parole e fantasia dove i personaggi possono interpretare il vostro mondo senza che voi ne siate i veri protagonisti, un gioco di seduzione che si svolge su un territorio neutrale ma sul filo sottile della  finzione e realtà.

Valentina Bauccio