L’Ispettore Barnaby

Come di consueto, alle ore 21.30 di sabato  su La7, l’immancabile appuntamento  all’insegna del giallo di classe con la programmazione dell’Ispettore Barnaby intitolato ‘Not in my backyard ed è il sesto episodio della tredicesima stagione, o il primo della quattordicesima. Questo episodio ha una peculiarità in più rispetto ai precedenti infatti, si può persino considerare una sorta di puntata a cavallo con la prossima stagione ed  è l’ultimo capitolo in  cui John Nettles sarà  il protagonista di Tom Barnaby.

Ecco in breve la trama:   Una festa in giardino è l’involontario palcoscenico  di un litigio degenerato ad una infausta conclusione, in tragedia. Durante le indagini svolte l’ispettore capo Barnaby, di Midsomer Mallow,  scopre che l’omicidio è strettamente collegato ad un delicato affare politico…

Questo ultimo episodio con lo storico ‘Barnaby’ ci darà l’opportunità di analizzarlo in quanto  metodico e pensatore. Spesso e volentieri risolve i casi in maniera rapida, senza rinforzi, utlilizzando pochissimo il computer. Tom è un poliziotto normale e felice, diametralmente all’opposto di “altri poliziotti televisivi” spesso violenti, alcolizzati, frustrati e vedovi, per giunta.

Per Barnaby è stata creata una solida e serena base lavorativa e famigliare, da contrapporre alla follia dilagante  intorno a lui. Barnaby è gentile, credibile, ottimista e premuroso. Al centro della sua sfera famigliare ci sono la moglie e la figlia. Nella fase finale della sua carriera come poliziotto, il Barnaby letterario è più anziano, lento e corpulento rispetto a quello televisivo. Soffre spesso di indigestioni a causa dei manicaretti  troppo ricchi di grassi della moglie.

L’autrice, Caroline Graham s’ispira ad Agatha Christie, per ricreare questi intrecci ambientati nella bucolica ma inventata località di Midsomer. E nonostante la recitazione seria, con personaggi stereotipati  e  tipici della tradizione britannica, con i loro parchi e la  verdeggiante  natura, in questi ‘gialli da salotto’, si trovano  anche molti elementi comici.

Maria Luisa L.Fortuna