Napoli: trovato feto morto all’interno del museo San Martino

Inquietante scoperta quella fatta, oggi, da un’addetta alle pulizie dei servizi igienici del museo La certosa di San Martino, nel quartiere Vomero di Napoli.

La donna intenta nella routine del suo lavoro quotidiano ha trovato, avvolto in un pannolino e sporco di sangue, un feto di circa quattro settimane.

Secondo le prime analisi effettuate dal medico legale, il feto sarebbe stato concepito circa un mese e mezzo fa. Ignota al momento la possibile identità della donna che ha compiuto l’atto.

Considerate le attuali norme vigenti in Italia in materia di aborto, che prevedono la possibilità di interrompere la gravidanza entro i primi tre mesi, il fatto che il feto fosse di solo quattro settimane potrebbe far pensare a un aborto spontaneo. Tuttavia gli inquirenti non escludono la possibilità che il macabro gesto possa essere la conseguenza dell’ignoranza e della paura: la donna potrebbe essersi sottoposta a un aborto clandestino, per poi tentare di nascondere il feto all’interno del museo.

Nella foto: un’istantanea del museo San Martino di Napoli.

S. O.