Camorra: sequestrati beni per 2,5 milioni al clan dei Casalesi

Continua la lotta serrata alla Camorra e, nello specifico,  al clan dei Casalesi.

Dopo l’arresto del reggente della famiglia di Francesco Schiavone, detto Sandokan, avvenuta appena due giorni fa, è arrivata la notizia dell’esecuzione di numerosi sequestri di beni ad affiliati del clan.

Secondo quanto è stato reso noto, l’operazione condotta dagli uomini della Direzione Investigativa Antimafia di Napoli, avrebbe portato alla confisca di numerosi immobili: veicoli, appartamenti, garage e terreni sono stati sottratti alle famiglie di tre affiliati alla Camorra che, al momento, già sono detenuti.

I proprietari dei beni sequestrati sarebbero: Assunta D’Agostino, ex compagna di Domenico Bidognetti, cugino del boss Francesco; Antonio Santamaria, ritenuto affiliato al gruppo Zagaria dei Casalesi, e Raffaele Cantone, a capo del gruppo dei malapelle.

Il valore complessivo degli immobili si aggirerebbe attorno ai due milioni e mezzo di euro.

A quanto pare, l’anno nuovo ha riservato due colpi non da poco alla camorra. La speranza di tutti è quella che non ci si fermi qui, ma che si vada avanti in una continua opera di bonifica del tessuto socio – economico, profondamente infetto dalle trame malavitose, in Campania e non solo.

S. O.