Home Spettacolo

Da stasera su Sky Cinema “Boardwalk Empire”, la serie evento dell’anno

CONDIVIDI

Già vista in anteprima al Festival di Roma (anche da noi di Newnotizie) molti l’hanno definita “la serie evento dell’anno”, e nessuno ha stropicciato gli occhi dall’incredulità. Niente di sorprendente, insomma, perché i sigilli apposti sulla costudia di Boardwalk Empire sono di quelli che non lasciano adito a dubbi. A partire dal fatto che è una serie tv della Hbo, la storica emittente americana che ci ha già regalato vere e proprie perle come I soprano e Six Feet Under.  La dirigenza Sky, tutt’altro che sprovveduta, non si è fatta scappare l’occasione aggiudicandosi i diritti della serie, che da stasera andrà in onda con i primi due episodi su Sky Cinema.

La Hbo, certo, ma c’è molto di più. Perché se è vero che le serie tv degli ultimi anni hanno raggiunto livelli di qualità cinematografici, non sorprende che tra i produttori del film ci sia un mostro sacro del cinema come Martin Scorsese, che tra l’altro ha firmato anche la regia dell’episodio pilota (un episodio che ha registrato 7 milioni di telespettatori, assicurando immediatamente alla serie il contratto per una seconda stagione). La sceneggiatura è invece firmata da Terence Winter, già vincitore di 4 Emmy Awards per I Soprano, che ha costruito il copione partendo dal libro Boardwalk Empire: The Birth, High Times, and Corruption of Atlantic City di Nelson Johnson.

Centro della narrazione è la Atlantic City degli anni ’20 e il suo lungomare, il Boardwalk Empire: un luogo che dietro un’abbondante facciata di perbenismo nasconde prostituzione, corruzione, gioco d’azzardo e (illegalissimo) alcool. In questo ambiente si muove con disinvoltura quasi istrionica Enoch “Nucky” Thompson, un politico (interpretato dallo straordinario Steve Buscemi) apprezzato per il suo buon cuore ma in realtà profondamente colluso con la malavita organizzata. Nonostante i suoi legami con la polizia, Thompson avrà costantemente alle calcagna l’agente Nelson Van Alden (Michael Shannon), suo acerrimo nemico, intenzionato a svelarne i traffici illeciti.

Intorno al politico di Atlantic City (ispirato ad un personaggio vero dei roaring twenties, il politico Enoch Lewis “Nucky” Johnson) dei giovani rampolli del crimine tentano l’ascesa – a partire da Jimmy Darmody (Michael Pitt), l’autista personale di “Nucky”, fino ad un acerbo Al Capone (Stephen Graham) e Lucky Luciano (Vincent Piazza). L’affresco corale diventa specchio di una completa sintonia tra le forze dell’ordine, la politica, l’alta finanza e i poteri mafiosi, che con cinismo riporta alla visione antropologica del crimine. Una visione che, dai tempi di Quei bravi ragazzi, ha fatto di Martin Scorsese un indiscusso maestro del genere gangster.

Roberto Del Bove

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram