F1, Montenzemolo critico: “Red Bull non sa vincere”

Lo speciale evento a Madonna di Campiglio denominato  è oramai alle battute finali. Dopo aver presentato ufficialmente i team Ferrari e Ducati per la stagione 2011, dando la parola ai rispettivi piloti e tecnici, tocca ora a Luca Cordero di Montezemolo chiudere gli incontri con i giornalisti, affrontando tutti gli argomenti caldi del nuovo anno, rilanciando le ambizioni degli uomini di Maranello. Si parte dalla critica della Red Bull che accusava la Ferrari di seguire una campagna acquisti volta ad indebolire i rivali. Un fatto di un certo peso, che merita una risposta altrettanto importante: “Vedo con piacere che qualcuno ha vinto un mondiale e forse non è ancora abituato a vincere come comportamenti. Quando qualcuno avrà vinto il 10% di quello che ha vinto la Ferrari risponderemo. Per il momento andiamo avanti e vinca il migliore.” Un no comment dal sapore critico, un modo per far terminare una polemica utile solo a creare rumore.

Maggior interesse invece viene dato ai progetti che la scuderia italiana ha in vista del nuovo campionato: “Dobbiamo partire bene, sia in termini di affidabilità ma, soprattutto, come prestazione. Lo scorso anno abbiamo perso il mondiale per un girone d’andata non all’altezza delle nostre aspettative.” L’intento quindi è quello di evitare assolutamente i problemi di inizio 2010, imponendo subito un ritmo veloce e competitivo. Riguardo agli avversari da tenere d’occhio, anche il presidente della Ferrari vede in Schumacher un ostacolo da non sottovalutare, ma aggiunge: “Mi aspetto tre squadre se non quattro a lottare per il vertice. Poi la gerarchia la stabilirà il cronometro. Detto questo se c’è un problema che noi non abbiamo è quello dei piloti: io so chi è il migliore del mondo ma non voglio dirlo!” Un piccolo mistero dalla soluzione fin troppo ovvia.

Infine Montezemolo chiude con un veloce pensiero a Valentino Rossi, condividendo appieno la scelta di passare alla Ducati: “Credo che abbia valutato bene la sua scelta. Sono contento quando sarà possibile di vedere Valentino divertirsi con una Formula 1, ma credo che i suoi obiettivi siano di vincere con una moto italiana.” Le porte di Maranello  saranno sempre aperte per il campione di Tavullia, ma il debutto nella massima seria automobilistica oramai è davvero impossibile. Chiuso il capitolo interviste, il programma del “Wrooom” prevede ancora la classica sfida tra piloti più l’ultima esibizione pubblica di Luca Badoer. Anche per quest’anno la rassegna è stata emozionante, perfetto antipasto di una annata che si preannuncia davvero magica.

Riccardo Cangini