Palermo: mancano i posti letto, ricoverata per tre giorni su una sedia

Ennesimo caso di malasanità, questa volta all’ospedale Civico di Palermo, dove per carenza di posti letto una ultrasessantenne è rimasta per tre giorni e tre notti in stato di ricovero su una sedia del pronto soccorso.

La donna, colta da crisi ipertensiva e trattenuta in osservazione, ha potuto sdraiarsi su una lettiga solo dopo 72 ore.

“Sono stata mezza giornata in piedi con la flebo attaccata al braccio – racconta – Poi ho trovato una sedia che è diventato il mio giaciglio per tre notti”.

Si tratta di una vicenda incredibile che va verificata al più presto, per questo ho chiesto di avviare una istruttoria ai carabinieri appartenenti al nucleo Nas della Commissione – dichiara Ignazio Marino, presidente della Commissione d’inchiesta sul Servizio sanitario nazionale – L’ospedale Civico di Palermo è la struttura sanitaria più grande d’Italia a sud di Napoli, per questo è davvero assurdo che una donna sia stata stata ricoverata per ben 72 ore su una sedia. Di più, si tratta di una azienda sanitaria di rilievo nazionale e dovrebbe, perciò, rappresentare un polo di eccellenza. Quanto accaduto è di una gravità estrema e chiama in causa l’amministrazione sanitaria della struttura. Una volta raccolte tutte le informazioni, le presenteremo al prossimo ufficio di presidenza della Commissione”.

Raffaele Emiliano