Serie A, Brescia-Parma 2-0: le rondinelle sono una brutta Bega

Il Brescia approfitta degli episodi e contro un Parma in 10 uomini trova la vittoria che serve per allontanarsi dalla zona retrocessione: perdono Bologna e Cesena e la squadra di Beretta rosicchia punti avvicinandosi alle zone più tranquille. Entrambi i goal nel finale dei rispettivi due tempi con Bega e Diamanti: Parma che non riesce a costruire azioni di gioco e non trova un’azione degna di nota.

1 TEMPO
– Al primo minuto già parte fortissimo il Parma con Morrone che calcia fortissimo alto. È l’unico scatto della partita che fino al 29′ non vede nessuna azione saliente: alla mezz’ora avviene l’espulsione di Paci per fallo da ultimo uomo su Eder lanciato in chiara occasione da rete. Parma in 10 e Marino che toglie Crespo per inserire Paletta per salvaguardarsi. Anche il Brescia è costretto al cambio: esce Eder, infortunatosi nello scontro, e al suo posto entra Lanzafame.

Al 32′ punizione di Cordova che viene respinta da Mirante, prova ad arrivarci Lanzafame ma il tiro va fuori. Al 36′ ancora Lanzafame che arriva al tiro ma Mirante ci arriva con facilità. Fino al 45′ solo Brescia in campo con Cordova e Diamanti che muovono bene la palla e provano ad inserirsi sempre in area: al 48′ ci prova anche Filippini che però calcia troppo alto. Al 50′ arriva però il goal che sblocca la gara: Bega arriva al tiro da fuori area col sinistro e beffa Mirante per l‘1 a 0 del Brescia.

2 TEMPO – Da fuori area al 4′ Cordova al tiro: Mirante para a terra. Al 17′ buon contropiede del Brescia con Lanzafame che però viene fermato all’ultimo da Paletta. Al 20′ esce Caracciolo e al suo posto entra Possanzini. Al 21′ il Parma si fa vedere con Candreva che si inserisce bene ma crossa male non trovando alcun compagno. Al 27′ esce Zoboli ed entra Mareco: Brescia che non riesce più ad arrivare in area di rigore ed è costretto a difendersi.

Al 28′ ammonizione per Lanzafame. Un minuto più tardi Possanzini spreca un contropiede nitido passando malissimo la palla per Diamanti non trovando l’intesa. Alla mezz’ora esce Valiani ed entra Angelo: tocca poi a Palladino cedere il posto a Bojinov. Al 43′ il Brescia consolida il vantaggio con Diamanti: un potente sinistro che trafigge Mirante per il 2 a 0. Nel finale viene ammonito Bega del Brescia.

TABELLINO

BRESCIA (4-1-4-1): Arcari; Martinez, Zoboli (27′ st. Mareco), Bega, Berardi; Cordova; Diamanti, Filippini, Konè, Eder (31′ pt. Lanzafame); Caracciolo (20′ st. Possanzini).
A disposizione: Leali, Zebina, Vass, Zambelli. Allenatore: Beretta.

PARMA (4-3-3): Mirante; Zaccardo, Paci, Lucarelli, Gobbi; Candreva, Morrone, Valiani (33′ st. Angelo); Palladino (37′ st. Bojinov), Crespo (36′ pt. Paletta), Giovinco.
A disposizione: Pavarini, Galloppa, Calvo, Modesto. Allenatore: Marino

RETI: 50′ pt. Bega (B), 43′ st. Diamanti (B)

Ammoniti: 7′ st. Diamanti (B), 28′ st. Lanzafame (B), 36′ st. Morrone (P), 41′ st. Lucarelli (P), 45′ st. Bega (B)
Espulsi: 28′ pt. Paci (P)

Mario Petillo