Ciclismo, squalifica imminente per Contador? E’ bufera

“Contador? La squalifica è probabile”. Parole di Dane Petersen, membro della commissione antidoping dell’Uci.
Quindi, il campione spagnolo è colpevole? La Saxo Bank, la squadra di Contador, non ci sta e attacca l’Uci. Infatti, poco dopo, arriva il dietrofront della Federazione.
Una bella bufera: il tutto in attesa di sapere quale sarà il destino del 3 volte vincitore del Tour.

Anticipazione Uci – Il danese Dane Petersen è membro della commissione antidoping della Federciclismo Internazionale. E’ lui a scatenare le polemiche, rilasciando dichiarazioni scottanti: “Dalle informazioni che abbiamo ottenuto, tutto lascia presagire che Contador abbia violato i regolamenti e sarà squalificato per 2 anni. Non penso proprio, quindi, che sarà al via del prossimo Tour”.

Replica durissima – La Saxo Bank, per bocca dell’ufficio stampa Andrees Damgaard, replica in maniera forte e decisa alle parole del membro dell’Uci: Prima di fare qualsiasi commento bisognerebbe aspettare il verdetto finale: il caso rimane di competenza della Federazione spagnola ed è ancora tutto in discussione. Petersen ha sbagliato: sono parole infelici, le sue”.

Dietrofront Uci – Enrico Carpani, portavoce dell’Uci, fa dietrofront e dichiara: “Il caso compete alla Federazione spagnola. Dopo il verdetto, noi ci muoveremo di conseguenza: accettandolo o ricorrendo al Tas di Losanna. Certo, è molto prematuro dire che Contador non correra nel 2011“.

Insomma, la carne “contaminata” di Contador crea mille polemiche. Il verdetto è alle porte. Il mondo del ciclismo attende. Fiducioso ma impaurito. E’ l’ennsimo campione-bufala? Ai posteri, anzi, ai giudici, l’ardua sentenza.

Edoardo Cozza