‘Ndrangheta: omicidio nel cosentino, freddato il figlio di un latitante

Omicidio ieri pomeriggio nel centro di Spezzano Albanese, nel cosentino. La vittima è Domenico Presta, 22 anni, figlio del noto latitante Franco. Il giovane è stato colpito alle spalle da un proiettile calibro 22, in un outlet intestato a sua sorella. All’origine dell’omicidio potrebbe esserci una lite per un parcheggio.

Sul posto sono arrivati i carabinieri, che hanno avviato subito le indagini per individuare l’autore del delitto. I militari hanno già ascoltato una persona in caserma. Secondo indiscrezioni sarebbe Aldo De Marco, 44 anni, proprietario di un negozio vicino a quello della sorella della vittima. Tra i due c’erano stati diversi screzi in passato, al punto che erano finiti anche in tribunale.

Il medico legale, Giovanni Cucci, ha ipotizzato che il proiettile abbia perforato il polmone e abbia poi deviato, ledendo l’aorta. Il medico ha confermato che il colpo è stato esploso mentre la vittima stava entrando nell’outlet, quindi quando era di spalle. Colpito, Presta ha avuto la forza di percorrere ancora qualche metro, poi è morto all’interno del negozio.

m.e.t.