Newnotizie ospite di Cesare Paciotti: eleganza, estro e volti noti

CONDIVIDI

Milano, Quadrilatero della moda. Fuori dallo showroom di Cesare Paciotti alcuni fotografi stanno preparando le loro potenti macchine, il numero di quelli all’interno è però almeno triplo. L’occasione, che rientra nella settimana milanese della Moda uomo 2011, è la presentazione della nuova collezione 2011-2012 di calzature Paciotti, parola d’ordine, Anni 80.

Ed infatti, appena entrati, si viene accolti oltre che dalle gentilissime responsabili dell’atelier, anche dalla “308 madison”, stampata in dimensione maxi su un elegante cartellone.  La 308 per i più esperti è una mezza leggenda, alla quale Cesare Paciotti ha voluto dare nuova linfa vitale, mantenendone i tratti caratteristici creati nel 1982 , ma modernizzandone sapientemente materiali e finiture. E’ una “Capsule Collection” quella che mette in mostra la 308 rivitalizzata dallo stilista, una mini-esposizione dedicata.

Lo stile Eighties; Fibbie, borchie, frange e frangette, pare una scarpa, ma non è solo quello, è un simbolo. Paciotti ha voluto riprenderlo, catturarlo e renderlo contemporaneo. All’interno dello showroom, un’apposita stanza allestita ospita l’esposizione dell’intera collezione. L’effetto “used” utilizzato per alcuni modelli è molto realistico. La scarpa è percorsa da diverse linee spezzate caratterizzate da tonalità parallele, a formare apparenti crepe  nel materiale della calzatura, crepe che, non essendoci, possono essere orgoglisamente ostentate.

Presenti all’evento molti vip appartenenti al mondo dello spettacolo, tra i quali Jo Squillo, imperatrice indiscussa degli anni 80 e che non ha mai smesso di “trasmettere” quel mondo così particolare al grande pubblico, le super-gentile Maddalena Corvaglia, più bella dal vivo che in TV , il che è tutto dire, l’affascinante Beppe Convertini ex Mister Italia e attore, la bellissima e ironica Micol Ronchi, coniglietta del Chiambretti Night, il Direttore di Sette, Giuseppe Di Piazza.

Sulla porta d’ingresso dell’atelier di Cesare Paciotti trionfa un elegante pugnale argentato. L’avvertimento appare piuttosto chiaro; cari modaioli, una volta entrati sarete irrimediabilmente colpiti, al cuore.

Servizio a cura di Valeria Panzeri e Angelo Sanna