Home Spettacolo Cinema

Oltre “Qualunquemente”, “Gianni e le donne” al Festival di Berlino

CONDIVIDI

Saranno due i lungometraggi italiani che parteciperanno al Festival di Berlino, che si terrà dal 10 al 20 di febbbraio nella capitale tedesca.

Oltre all’attesissimo Qualunquemente, il film di Antonio Albanese presentato nella sezione Panorama, anche il regista e sceneggiatore Gianni De Gregorio porterà un film, il suo secondo film: Gianni e le donne, distribuito da 01 e che andrà nella sezione Speciale.

Il film, il cui regista e sceneggiatore è sempre Gianni di Gregorio, vede recitare anche Valeria Bendoni, Alfonso Santagata, Elisabetta Piccolomini, Valeria Cavalli, Aylin Prandi, Kristina Cepraga, Michelangelo Ciminale,Teresa Di Gregorio, Lilia Silvi, Gabriella Sborgi e molti altri.

Gianni, sessant’anni ben portati, è un uomo normale. Ha una natura mite e un’immensa capacità di sopportazione. E’ al servizio di sua moglie che lavora e ha mille impegni, della figlia che adora, del fidanzato della figlia, giovane e disoccupato che si è piazzato in casa e che ormai lui ama come un figlio, del cane, del gatto. E nella sua vita c’è anche sua madre, novantenne nobildonna decaduta, che si ostina a vivere nella vecchia villa alle porte di Roma facendo allegra finanza, con badanti che vanno e vengono. La sua vita scorre monotona e tranquilla fra commissioni, passeggiate con il cane e faccende domestiche, del resto è in baby pensione e di tempo ne ha pure troppo. Tutto questo fino a quando un giorno, l’amico Alfonso gli fa aprire gli occhi.

Gianni Di Gregorio ha curato la sceneggiatura di numerosi film, partecipando anche nel ruolo di attore e regista del film Pranzo di ferragosto per cui ha ottenuto il David di Donatello come il miglior regista esordiente. Tra le sue sceneggiature più popolari, oltre aPranzo di Ferragosto, Gomorra e Sembra morto…ma è solo svenuto.

Martina Guastella