Penelope Cruz e Javier Bardem festeggiano a Los Angeles la ‘baby shower’

CONDIVIDI

Secondo quanto trapela dal The New York Post, la coppia cinematografica spagnola per eccellenza e celebrata dal momento che è vincitrice di Oscar, quella formata da Penelope Cruz e Javier Bardem si sono lasciati conquistare ed anche loro hanno festeggiato, sabato scorso, nella loro casa di Los Angeles,  la tipica festa negli Stati Uniti, che precede la nascita di un bambino e che viene chiamatababy shower’. Si festeggia il prossimo arrivo del nascituro e dove  gli invitati portano dei regali per il nuovo arrivato!  

La coppia ispanica,  si augura che la nascita del loro primogenito/a sia una questione solo di pochi giorni ed ha organizzato un ricevimento al quale hanno partecipato solo degli amici intimi, tra i quali ha partecipato anche l’attore Leonardo di Caprio accompagnato dalla ormai storica fidanzata Bar Rafaeli.   

La festa ha avuto luogo, secondo le fonti del giornale di New York, il sabato precedente la partenza della Cruz e Bardem, che è avvenuta domenica e che li ha visti trasferiti  a Palm Springs, in California dove si possono godere e  trascorrere, in santa pace, qualche giorno in completo  relax.

Ed inoltre questa nota, spiegherebbe, in parte,  anche il motivo dell’assenza di  Bardem durante il gala di domenica, dei Golden Globes e nel  quale la sua pellicola ‘Biutiful’ aveva ricevuto una nomination nella categoria come  miglior  pellicola straniera, premio poi vinto dal film danese  di Susanne Bier ed intitolato “In  un mondo migliore”.

Nella sfilata sulla passerella rossa, che come consuetudine precede la cerimonia,  il regista  messicano Alejandro González Iñárritu, realizzatore di ‘Biutiful’, ha giustificato l’assenza dell’attore spagnolo ai premi, per ‘motivi personali’.  Lo scorso 8 gennaio Bardem e la Cruz si trovavano a Palm Springs in occasione dei  premi del festival internazionale del cinema assegnati in questa  località e durante la quale Javier Bardem ha ricevuto un prestigioso riconscimento per “Non è un paese per vecchi”.  

Maria Luisa L. Fortuna