Ritrovate le due 16enni di Reggio che erano scomparse

Le due sedicenni di Correggio (Reggio Emilia) che erano scomparse lunedì sono state ritrovate ieri sera vicino a un parco di Roma. Non hanno subito alcun tipo di abuso. Le due giovani sono state avvistate da due romani, un padre e un figlio, nella zona di Centocelle, in via degli Anemoni. Secondo la testimonianza le minorenni sembravano molto stanche e piangevano.

Quando i due passanti (un 40enne e il padre anziano) le hanno avvistate, hanno subito chiamato la polizia. “’Abbiamo visto due ragazzine attraversare la via barcollanti mentre chiedevano aiuto”, raccontano. “Le due giovani”, proseguono i due uomini “venivano da un giardinetto di fronte ai palazzi. Erano entrambe scalze e sporche, una di loro era imbrattata di sangue in faccia e sui polsi. Sembravano in stato di shock, erano molto alterate, sembrava non sapessero neanche di trovarsi a Roma. Ad un certo punto si sono accasciate dietro un cassonetto”. Secondo le forze dell’ordine si tratterebbe questa di una messa in scena predisposta dalle due minorenni per giustificare la propria fuga. Le due ragazze non dovrebbero aver subito, invece, nessun tipo di violenza.

“Ci chiedevano di riportarle a casa, erano stanchissime. Quando è giunta la polizia, assieme all’ambulanza del 118, le ragazzine ci hanno abbracciati”, hanno aggiunto i due passanti.

Un paio di sere fa i genitori delle giovani, che questa mattina hanno raggiunto le figlie – trattenute presso l’ospedale Casilino per accertamenti – erano apparsi in televisione, alla trasmissione Chi l’ha visto? per lanciare un appello alle figlie. Per chiedere che tornassero a casa.

Per gli inquirenti, che hanno collaborato con la Polizia Ferroviaria, le due minorenni si sono spostate in treno. Durante la giornata di lunedì si sono prima recate al centro commerciale ‘I petali’ di Reggio Emilia, dove sono state riprese dalle telecamere di sicurezza, poi hanno preso il treno e sono arrivate prima a Milano e poi a Roma.
Gianluca Bartalucci