Home Spettacolo Cinema

George Lucas ci crede: “Il mondo finirà nel 2012”

CONDIVIDI

Ma come, una testa come lui ci crede davvero? Questo sarà balenato in testa a molte persone quando l’attore e sceneggiatore canadese Seth Rogen, intervistato dal Toronto Sun, ha confessato di essersi ritrovato assieme a Steven Spielberg ad ascoltare un’arringa del signor George Lucas sulla fine del mondo; evento apocalittico che – stando alle sue parole – occorrerà nel 2012. Tempeste di neutrini e tettonica delle placche in subbuglio sono solo alcuni degli argomenti con i quali, il leggendario creatore di Guerre Stellari, ha cercato di convincere i due colleghi che i Maya avevano ragione riguardo la fine del nostro pianeta.

All’inizio ero convinto che stesse scherzando – ha dichiarato Rogen al quotidiano canadese – ma poi ho capito che era serissimo. Allora ho pensato che se George è realmente convinto di questa cosa, ovvero che il mondo finirà fra un anno, deve avere pronta da qualche parte un’astronave per la fuga, così gli ho chiesto se mi lasciava un posto. Ma lui mi ha assicurato di non aver costruito alcuna astronave”.

Ironizza l’interprete di Green Hornet. Ma c’è un altro dettaglio che fa davvero sorridere; sembra infatti che durante lo sproloquio di Lucas, Spielberg – da lungo tempo suo amico e collaboratore – abbia guardato Rogen per poi alzare gli occhi al cielo. Quasi a dire: “Non ce la faccio più a sentirlo ripetere ‘ste storie…guarda che ci crede davvero!“. Per minimizzare il tutto con ironia, comunque, è intervenuta Lynne Hale, portavoce della Lucasfilm: “Ma no, George diceva così per dire… Lui però crede fermamente che il mondo sia piatto, che gli alieni abbiano costruito Stonehenge e che il Sole gira intorno alla Terra. Inoltre ha intenzione di girare un nuovo Indiana Jones con attori morti”.

Difficile dire se Lucas creda o meno alla profezia Maya. Dopotutto ognuno è libero di credere a quello che vuole e – se è per questo – il cineasta americano non è solo: secondo quanto riportato dal Daily Telegraph anche Ashton Kutcher (che sembra addirittura stia facendo preparazione atletica in vista dell’evento), il rapper Lil Wayne, Dan Aykroyd e il “cuore impavido” Mel Gibson credono che il 2012 sarà un anno fatale per il nostro pianeta. Speriamo solo che a convincerli non sia stata la visione di 2012, pessima pellicola fanta-catastrofica diretta da Roland Emmerich: questo sì, sarebbe davvero triste.

Roberto Del Bove