Idv contro Formigoni: “Pur di difendere la Minetti rinnega anche la sua fede cattolica”

Formigoni dica qualcosa di cattolico. Il governatore della Lombardia è vergognoso; pur di difendere il suo dante causa, rinnega la sua fede e attacca i giovani del Pdl lombardo che hanno iniziato una raccolta firme perché non si sentono rappresentati dalla Minetti”.

E’ quanto dichiara in una nota il portavoce dell’Italia dei Valori, Leoluca Orlando, che così commenta le parole pronunciate dal Governatore lombardo in merito alla raccolta di firme contro la presenza di Nicole Minetti nel Consiglio Regionale della Lombardia, un’iniziativa presa – a detta di Formigoni – al di fuori del Pdl.
“Ho letto le dichiarazioni di amici responsabili veri dei giovani del Pdl – sono state le parole del presidente della Regione Lombardia – i quali dicono che è un’iniziativa al di fuori del partito“. Sul caso Minetti, ha poi aggiunto Formigoni, “lasciate lavorare i magistrati. La sinistra lo dice sempre, in questo caso lo dico io. Non impalcatevi a giudici”.

Ma Orlando non si fa ingannare. “La sua (di Formigoni, ndr) difesa della Minetti è ignobile, come è ignobile la difesa del comportamento osceno del presidente del Consiglio che sta facendo ridere tutto il mondo e portando discredito all’Italia. Formigoni – conclude il portavoce dell’Idv – sembra essere d’accordo con chi favorisce la prostituzione minorile e partecipa a festini vari“.

(Nella foto in alto a sinistra il Consigliere regionale Nicole Minetti)


Raffaele Emiliano