Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Sexgate: Fini, “Chi vince elezioni non è al di sopra della legge”

CONDIVIDI


“La legge è uguale per tutti e chi sbaglia deve pagare”, afferma ileader di Fli, Gianfranco Fini.

Prendendo parte a un’iniziativa del suo partito, ha risposto alle accuse di Silvio Berlusconi, a sua volta impegnato in un collegamento telefonico per un convegno del Pdl: “Non mi dimetto, per l’Udc e Fli ora sarei io che aggredisco perché reagisco a un autentico tentativo eversivo”.

Il premier ha più volte definito il partito del suo ex braccio destro come un fuoco di paglia, ma è il leader stesso a fornire una spiegazione: “Ho il dovere di ricordare al presidente del Consiglio che Fli è nata per l’impossibilità nel Pdl di affrontare certe questioni, di dire scomode verità e soprattutto perché abbiamo pensato fosse un dovere morale dimostrare che a certi principi noi crediamo davvero. Perché in certi momenti tacere diventa essere corresponsabile. In tanti hanno capito perché nasce, ovvero perché non ce la sentivamo di non dire, di tacere. Perché quando si arriva a dire che Vittorio Mangano e’ un eroe, o si ribadisce che non e’ vero oppure si diventa complici”.

Secondo Fini, la riluttanza del presidente del Consiglio nel colloquiare con i magistrati deriva da una implicita richiesta di impunità: Quando si è oggetto di indagini complesse, che gettano una luce particolarmente negativa, dire non mi muovo o non considero possibile essere sottoposto ai magistrati è una richiesta evidente di impunità. L’idea di centrodestra mia e dei nostri padri é profondamente diversa dalla caricatura di centrodestra di chi oggi è impegnato solo a far si che gli italiani sappiano e che ci sia chiarezza”.

Infine, se la stampa estera continua a titolare articoli accostando le parole, scandalo, Italia, Berlusconi, escort e simili, il leader Fli non esita a dichiarare, poco diplomaticamente, “Non voglio infierire, ma il buon nome dell’Italia, da qualche tempo a questa parte, viene sottoposto a dure critiche solo per i comportamenti di chi l’Italia la rappresenta”.

Carmine Della Pia