Home Lifestyle Salute

Recupera la voce grazie al trapianto di trachea e laringe. Primo caso al mondo

0
CONDIVIDI

Aveva perso la voce nel 1999 a causa di un errore chirurgico che le aveva paralizzato le corde vocali. Oggi Brenda Jensen è tornata a parlare, grazie ad un trapianto completo di trachea e laringe, primo al mondo, che si è svolto lo scorso ottobre in California, presso il St. David Medical Center di Sacramento.

Da più di dieci anni la donna si poteva esprimere solo attraverso uno strumento elettronico, faticava a nutrirsi e non riusciva a respirare normalmente (lo faceva tramite un buco nel collo). Tredici giorni dopo il delicato intervento Brenda è riuscita a pronunciare i suoi desideri e sta facendo grandi sforzi per riabilitare i suoi nuovi organi.

E’la prima volta al mondo che vengono trapiantati laringe e trachea in contemporanea ed in assoluto si tratta del secondo trapianto di laringe mai realizzato. Il primo era stato fatto sempre presso lo stesso ospedale addirittura nel 1998. La difficoltà chirurgica sta nella complessità neuromuscolare della laringe stessa. I chirurghi, tra i quali l’italiano Paolo Macchiarini (pioniere nei trapianti di trachea) in questo caso hanno lavorato per 18 ore consecutive: oltre all’innesto dei nuovi organi e dei tessuti, è stato necessario effettuare in microchirurgia le connessioni muscolari e nervose, quelle vocali e della deglutizione. I chirurghi, che hanno operato divisi in due team, ognuno impegnato su un lato della gola della paziente, hanno asportato la laringe, la tiroide e 6 centimetri di trachea da un donatore, impiantandoli alla donna e riconnettendo nervi, vasi sanguigni e muscoli di uno degli organi più complessi del corpo umano.

Il risultato è stato eccellente: la sua voce si è perfezionata sta anche cercando di imparare nuovamente ad ingoiare e dichiara: “E’ un miracolo, sto parlando, parlando, parlando, tanto da stupire i miei amici e famiglia. Ogni giorno è un nuovo inizio per me”.

Dopo un intervento di questo tipo si aprono numerose altre speranze terapeutiche, per tutti quei pazienti che attendono di essere sottoposti a difficili trapianti di organi.

Adriana Ruggeri