Home Tempi Postmoderni Scienze Boom di aPad, l’imitazione cinese del tablet Apple

Boom di aPad, l’imitazione cinese del tablet Apple

Sta riscuotendo un grande successo l’ aPad. No. Non è un errore di battitura. Stiamo parlando del clone cinese dell’iPad in vendita nel web in moltissimi modelli ed ad un prezzo inferiore all’originale.

Non bastavano più le imitazione dei grandi brand d’abbigliamento, dei telefoni cellulari e dei televisori. Adesso l’industria cinese ha creato una perfetta imitazione del tablet di Apple che è stato riprodotto rispettandone funzioni e caratteristiche principali.

aPad è il tablet cinese con Android 2.1 di Google, un sistema operativo scelto sia perché è completamente gratuito sia perché è un sistema operativo molto valido e apprezzato dagli utenti che nell’ultimo periodo lo hanno preferito ad altri sistemi dato che offre una espandibilità pressoché infinita mediante l’installazione di nuove applicazioni o giochi.

Il tablet PC dispone di un display LCD touchscreen resistivo da 7 pollici e risoluzione 800×480 pixel. Il cuore dell’apparato è un veloce processore Rockchip da 600 Mhz, memoria RAM di 128 Mb e memoria interna di 2 Gb espandibile mediante schede T-Flash o MicroSD fino a 16 Gb. Inoltre, l’aPad dispone di un collegamento Wifi e supporta tantissimi formati video e audio.

Il nuovo falso cinese è disponibile sul web al costo di 199,99 dollari. Un costo molto basso se paragonato a quello del gioiello della Apple che presenta le stesse caratteristiche.

Un tablet che corrispone, per caratteristiche e funzioni, all’iPad. Ma una differenza è visibile a tutti: l’iPad è così trendy, elegante e raffinato che batte il suo falso cinese già alla prima vista.

Daniela Ciranni