Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica Sfiducia Bondi: vincono i no. Il ministro si salva

Sfiducia Bondi: vincono i no. Il ministro si salva

Sandro Bondi rimane aggrappato al ministero dei Beni Culturali.

L’aula della Camera dei Deputati ha respinto, pochi minuti fa, la mozione di sfiducia del ministro col vizio della poesia. Presenti in aula in 608 – al momento del voto è giunto anche il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconihanno votato in 606.

I risultati sono stati chiari: 314 i no, 292 favorevoli alla sfiducia e 2 astenuti.

Al momento della comunicazione ufficiale dei dati, dagli scranni di Montecitorio si è levato un rumoroso applauso di solidarietà al ministro, messo sotto accusa negli scorsi mesi da più fronti perché considerato responsabile dei gravi tagli alla cultura, dei crolli a Pompei e nel Colosseo e dell’aver affidato alcuni incarichi importanti a persone a lui vicine. Tra di esse anche il figlio della sua compagna.

Nella foto: il ministro dei Beni Culturali, Sandro Bondi.

S. O.