Nichi Vendola incontra il ‘persecutore’ Checco Zalone, il video


Spassoso e inaspettato siparietto tra Nichi Vendola e Checco Zalone, reduce dai fasti del suo film campione di incassi, Che bella giornata.

Il presidente della Regione Puglia ha premiato il comico proprio per il successo della pellicola e “per il forte legame con il territorio” consegando il Premio Numero 1 BiFest 2011 a Luca Medici, questo il vero nome di Zalone, al regista dei suoi film, Gennaro Nunziante, al produttore Pietro Valsecchi e alla Tao Due.

“Bel teatro, è nuovo?”, ha esclamato Checco tra l’ilarità generale, prima di aggiungere: “Ci sono venuto quando ero piccolo e il fatto che il pubblico si incendi per la mia presenza mi fa stare bene”. Sulla pellicola, invece, ha ammesso: “Non e’ un capolavoro il film che abbiamo fatto, ma abbiamo incassato. La cosa importante è che abbiamo fatto vedere la Puglia col cuore. Il senso che do io a questo premio è aver sottolineato il legame con la nostra terra. E qui dovete applaudire”.

La parola, poi, è passata a Nichi Vendola, che ha lodato le doti umoristiche dell’attore: “Mi ero preparato un discorso su Claudia Cardinale”, che ha tenuto per la medesima occasione una lezione di cinema seguitissima soprattutto dai giovani, “ma stamattina ho capito dai giornali che poteva capitare di incontrarmi con il mio persecutore. La sua è una comicità innovativa che ci sta liberando dalla volgarità dilagante, fa ridere ma anche pensare. Ormai quando telefono mi dicono ma dai smettila sei Zalone”.

Il presidente ha poi concluso scimmiottando un vecchio sketch del comico: “Zalone, ma tu, da me, che ca… vuoi?”.

Di seguito, il video dell’insolito confronto.

Carmine Della Pia