Usa, nuova ondata di maltempo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:38

Torna il maltempo negli Stati Uniti. La North-East coast è paralizzata per neve e piogge. Washington, Boston e Philadelphia le aree più colpite.

Una situazione che causa disagi in più settori. Nell’aeroporto della capitale, circa trecento mila passeggeri sono a terra. Analoga situazione nella Grande Mela, dove i suoi due maggiori aeroporti Newark e Kennedy, sono diventati degli alloggi improvvisati, viste le mille cancellazioni effettuate. Non solo le stazioni aeroportuali fra le categorie più colpite, ma i trasporti in generale. In auto è impossibile viaggiare, e le linee ferroviarie e metro sono ferme. Fra le difficoltà, anche la mancanza di luce ed energia elettrica. Intanto anche insegnati e genitori lamentano le possibili conseguenze di giorni persi degli alunni. Per il sindaco newyorkese Micheal Bloomberg è il gennaio con più nevicate dopo quello del 1925. Nel periodo intorno al Natale scorso, il maltempo colpì Europa e Stati Uniti. Trasporti in tilt, scuole chiuse e addirittura trenta morti in Romania. Negli Usa le conseguenze furono più leggere, anche se gli aeroporti erano diventati degli alloggi improvvisati per chi aveva visto cancellato il proprio volo. A Gatwick, Schipol, Bruxelles e Charles De Gaulle molta gente passò il pranzo di Natale in sala d’attesa.

Questa condizione di cattivo tempo durerà almeno fino ai primi giorni della prossima settimana.  Le reazioni degli americani sono differenti, c’è chi si preoccupa chi invece, studenti in primis, è contento perché ricorda il clima natalizio.

Matteo Melani

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!