Pagelle Lazio-Fiorentina: ottima prova di Kozak. Viola davvero inconsistenti

PAGELLE LAZIO-FIORENTINA. C’è voluta una Lazio tutta grinta e piena di carattere per avere ragione di una Fiorentina ben messa in difesa, ma davvero sterile nel creare dei pericoli agli uomini di Reja. Nella squadra capitolina ha giocato un’ottima gara l’attaccante ceco Kozak, che ha segnato le due reti che hanno deciso il match. Nella Fiorentina invece sono andati tutti sotto la sufficienza, con i soli D’Agostino e Gulan ad aver conquistato un meritato 6 in pagella.

LAZIO:

Muslera 6,5: La Fiorentina fa poco in avanti, ma lui è sempre attento e non si fa superare.

Lichtsteiner 5,5: Non gioca bene, soffrendo spesso le puntate offensive di Santana.

Biava 6: Preciso ed ordinato come sempre, ferma Gilardino e lo rende inoffensivo.

Diakité Sv. (Dal 12’ Stendardo 6: Dà anche lui un ottimo contributo in ambito difensivo).

Radu 6,5: Si spinge in avanti, mettendo in difficoltà sia De Silvestri che Cerci.

Gonzalez 6,5: Cerca sempre il gol e la giocata giusta per i suoi compagni d’attacco. (Dall’80’ Hernanes Sv).

Brocchi 6: Con il 4-4-2 corre di meno ed è più lucido nelle chiusure e nelle impostazioni del gioco.

Ledesma 6,5: Dopo varie prove incolori, si riscatta e torna ai suoi livelli. Forse il 4-4-2 è il modulo più congeniale al suo attuale stato di forma.

Mauri 6: Parte in sordina, uscendo poi alla distanza.

Kozak 8: Il migliore in campo. Corre, lotta su ogni pallone e segna anche le due reti che decidono il match. Era pronto ad andare via, ma dopo la gara giocata ieri sera diventa un punto fermo della Lazio 2010/2011.

Floccari 6: Un infortunio sfortunatamente lo ferma nel momento in cui stava facendo bene. (Dal 38’ Sculli 7: Un assist ed una giocata personale che impegna Boruc. Buona la sua seconda gara in maglia biancoceleste).

Reja 6,5: Nel primo tempo la sua squadra non riesce a sfondare la difesa viola. Nella ripresa viene invece fuori tutto  il carattere dei suoi uomini migliori, ed arriva così una buona vittoria, che cancella il brutto stop subito a Bologna domenica scorsa.

FIORENTINA:

Boruc 5,5: Prima del secondo gol gioca una buonissima gara. L’errore sul 2 a 0 è davvero grossolano e da giocatore di categorie inferiori.

De Silvestri 5: Tornare nello stadio che lo ha fatto crescere deve averlo bloccato. Di sicuro farà meglio nei prossimi match.

Kroldrup 4,5: Concede un penalty che sblocca il match. E’ lui purtroppo l’eroe in negativo della serata di ieri.

Gamberini 5: Nel primo tempo fa bene. Nella ripresa molto peggio invece.

Gulan 6: Parte male, spaventato forse dal fatto di giocare titolare in uno stadio come l’Olimpico di Roma. Nei minuti successivi però cresce, mettendo anche la museruola ad un mastino come Lichtsteiner.

Santana 5,5: I numeri di alta scuola li ha offerti anche ieri sera. Deve però essere più concreto e decisivo.

Donadel 4,5: Inconsistente. Quella in campo sembrava la sua controfigura. (Dal 74’ Behrami Sv).

Montolivo 5: Ha combinato davvero poco. Quando capirà che deve metterci anche il carattere per diventare forte e decisivo?

Cerci 5: Ci prova dalla distanza in qualche occasione. Il nervosismo forse l’ha un po’ bloccato. (Dal 70’ Babacar Sv).

Gilardino 5,5: Fa tanto lavoro per la squadra, rimanendo poco lucido quando viene servito (cosa che purtroppo avviene abbastanza di rado, ndr).

Ljajic 5,5: E’ troppo incostante. Deve crescere ancora per diventare l’uomo in più della Viola. (Dal 46’ D’Agostino 6: Gioca solo metà match, ma delizia la platea con le ottime aperture ed i deliziosi passaggi che partono dal suo sinistro fatato).

Mihajlovic 5: Dopo Napoli si era pensato che la sua squadra avesse intrapreso la giusta strada. Il pari in casa contro il Lecce e lo scivolone di ieri all’Olimpico hanno invece dimostrato tutto l’opposto. Qual è la vera Fiorentina di questo 2010/2011?

Simone Lo Iacono