I regali di Berlusconi: il Papi diede 20mila euro alla madre di Noemi Letizia

Di papi ce n’è uno solo? Fesserie.

Innanzitutto perché il detto vale per le mamme e poi perché, a voler provare a elencarli, ci vengono in mente un Ratzinger dagli abiti pontifici, un Enrico conduttore televisivo di programmi con donne svestite e poi un terzo che di nome fa Silvio, ma il cui mestiere non è più ben chiaro. In ogni caso quest’ultimo, a quanto pare, tra un lavoro e l’altro non lesina il divertimento. O viceversa?

Dalle indagini a carico del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, avviate dalla Procura di Milano che lo ha accusato di prostituzione minorile per il caso Ruby e di concussione, in questi giorni i dettagli sulle abitudini del premier di attorniarsi di belle donne, dietro corrispettivo pagamento, diventano sempre più succosi.

Fino a oggi si sapeva dei soldi che Berlusconi avrebbe versato nei conti corrente delle ormai famose ragazze di via Olgettina – che non sono i personaggi di una rivisitazione al femminile del romanzo dell’ungherese Ferenc Molnar, I ragazzi della via Pal – per ringraziarle generosamente della loro compagnia. Stamane, invece, è stata data la notizia di un nuovo versamento, fatto nel 2010, di ben 20.000 euro. A beneficiare del pensiero del Presidente del Consiglio la signora Anna Palombo.

Chi è Anna Palombo?

Prima di tutto chiariamo una cosa: Anna Palombo non è più una ragazzina, quindi tenete per voi la malizia. Successivamente, possiamo però dire che la Palombo è la madre di quella che fino a poco tempo fa è stata una ragazzina. Di chi parliamo?

Il suo nome è Noemi Letizia. Cresciuta a Casoria, in provincia di Napoli, è stata la prima ragazza – all’epoca minorenne – a essere accostata a Silvio Berlusconi, anche se in veste di semplice amica e confidente. I lettori ben ricorderanno della presenza del Premier alla festa per i diciotto anni della ragazza.

Per ringraziare di quali servigi ricevuti, Berlusconi pagò quella cifra? O fu soltanto un gesto di generosità?

Sul modo in cui la famiglia Letizia abbia conosciuto Berlusconi si è discusso ampiamente anche se tuttora non è ben chiaro, quello che però è rimasto impresso nella mente di tutti, con la comparsa sulla scena pubblica di Noemi, è il vezzeggiativo “papicon cui la ragazza era solita riferirsi al Presidente del Consiglio.

Lo stesso nomignolo utilizzato dalle altre fanciulle chiamate a dilettarsi ad Arcore.

Con il caso Noemi Letizia, iniziò a delinearsi la possibilità, poi concretizzatasi, di una separazione tra Silvio Berlusconi e la moglie Veronica Lario che nell’imbarazzo generale dichiarò «la strada del mio matrimonio è segnata. Non posso stare con chi frequenta minorenni. Mio marito è malato. Ho cercato di aiutarlo, ho implorato le persone che gli stanno vicino di fare altrettanto, come si farebbe con una persona che non sta bene. E’ stato tutto inutile».

Veronica Lario si separò dall’uomo Silvio Berlusconi, il rapporto invece tra gli italiani e il loro capo di governo sembra tuttavia andare avanti. Seppur barcollando.

Simone Olivelli