‘Ndrangheta: sequestrato hotel in Calabria

Un hotel è stato sequestrato e 7 persone risultano al momento indagate nell’ambito di un’inchiesta iniziata nel 2005 e terminata proprio questa mattina. L’hotel posto sotto sequestro è il ‘Parco dei Principi’ di Roccella Ionica (Reggio Calabria). L’albergo ha un valore che è stimato attorno agli 11 milioni di euro.

Tra i 7 indagati ci sono anche alcuni imprenditori che, assieme a presunti affiliati del clan Aquino-Coluccio di Marina di Gioisa Ionica, sarebbero riusciti a ricevere – in maniera illegale – diversi finanziamenti pubblici. Gli uomini sono accusati di riciclaggio e truffa aggravata. Per loro valgono anche alcune aggravanti, legate alle modalità mafiose utilizzate.

La cosca Aquino-Coluccio, con la quale avrebbero fatto affari, è uno snodo fondamentale del traffico internazione di stupefacenti e si occupa principalmente di gestire la cocaina proveniente dal Sudamerica. Tramite questi traffici illeciti la cosca ha nel tempo accumulato notevoli quantità di denaro, poi investite in attività solo apparentemente legali.

Le indagini che questa mattina hanno portato al sequestro del ‘Parco dei Principi’ (nella foto) erano cominciate il 16 ottobre 2005, quando il vice presidente del Consiglio regionale calabrese, Francesco Fortugno, era stato assassinato a Locri.

Gianluca Bartalucci