Probabili formazioni Parma-Lecce: Amauri titolare, Di Michele out

PROBABILI FORMAZIONI PARMA-LECCE   Allo Stadio Tardini, il Parma incontrerà il Lecce. Scontro diretto fra due squadre coinvolte nella lotta per non retrocedere. Solo 4 punti dividono gli emiliani, a quota 24, dai pugliesi (21). Squadra ospite che in questo campionato ha mostrato le maggiori lacune proprio nelle gare in trasferta, dove è riuscita a fare bottino pieno solo una volta su 11 match. Padroni di casa che hanno nel Tardini la loro roccaforte, da cui sono usciti battuti solo 2 volte: ottima occasione quindi per la squadra di Marino per fare spazio fra i suoi e la zona calda della classifica.

PARMAPaci e Zaccardo rientrano e tornano al loro posto in difesa, che sarà completata da Lucarelli e Gobbi. A centrocampo rientra Galloppa interno di sinistra, con Candreva a destra e Dzemaili regista centrale. Esordisce subito il neoacquisto Amauri, che sarà supportato da Giovinco e Valiani.

Ecco il probabile schieramento:

PARMA (4-3-3) Mirante; Zaccardo, Paci, Lucarelli, Gobbi; Dzemaili, Candreva, Galloppa; Giovinco, Valiani, Amauri. A disp. : Pavarini, Paletta, Modesto, Angelo, Morrone, Palladino, Crespo. All. Marino.

Indisponibili: Pisano, Calvo

Diffidati: Angelo, Morrone, Candreva, Giovinco

Squalificati: nessuno

LECCE – Consueto 4-3-1-2 per De Canio. Difesa composta da Gustavo e Fabiano centrali, con Tomovic esterno destro e Brivio sull’out di sinistra. Giacomazzi, alle prese con qualche problemino, verrà sostituito da Grossmuller, che avrà al suo fianco Vives e Munari. Olivera sarà il trequartista alle spalle di Corvia e Jeda, che prende il posto dell’infortunato Di Michele.

Ecco la probabile formazione:

LECCE (4-3-1-2) Rosati; Tomovic, Gustavo, Fabiano, Brivio; Munari, Vives, Grossmuller; Olivera; Corvia, Jeda. A disp. : Benassi, Ferrario, Donati, Mesbah, Giacomazzi, Bertolacci, Piatti. All. De Canio.

Indisponibili: Giuliatto, Ofere, Di Michele

Diffidati: Ferrario, Di Michele, Gustavo, Fabiano, Grossmuller, Giacomazzi, Jeda, Olivera

Squalificati: nessuno

Alberto Ducci

Foto: Federico Tardito / LaPresse