Pagelle Bari-Inter: Gazzi il migliore dei pugliesi, Julio Cesar e Kharja decisivi


PAGELLE BARI-INTER.

BARI

Gillet 5,5 – Incerto sul gol di Pazzini.

Masiello 5 – Tiene nel primo tempo, poi nella ripresa Eto’o e compagnia fanno quello che vogliono dalle sue parti.

Rossi 6 – Tiene botta (e botte da Chivu), prima di naufragare nel finale.

Glik 6 – Prova sufficiente fino ai minuti di recupero della ripresa.

Parisi 6 – Non è facile contenere Maicon, ma se la cava.

Donati 6 – Utile sia in fase di appoggio agli attaccanti che di interdizione

Almiron 6 – Nel primo tempo sembra aver ripreso la forma dei giorni migliori: tanta corsa, pressing e una punizione che Julio Cesar toglie dal sette. Poi cala alla distanza.

Gazzi 6,5 – Pressa molto, si inserisce quando può e nella ripresa è l’ultimo a mollare. Il migliore dei suoi.

Bentivoglio 5,5 – Nel primo tempo ci prova, poi scompare.

Okaka 5 – L’impegno non basta: combina ben poco.

Rudolf 5,5 – Cerca di non dare punti di riferimento alla difesa interista e prova a metterli in difficoltà con la sua velocità. Alla fine dei conti, però, i pericoli portati sono pari a zero.

INTER

Julio Cesar 7 – Decisivo anche stavolta: strepitoso su una punizione di Almiron nel primo tempo, chiude poi la saracinesca in faccia a Gazzi nel finale.

Maicon 6,5 – Uno dei pochi a correre dal 1′ al 90′.

Ranocchia 6 – Nel complesso si destreggia bene nella prima serata da leader della difesa nerazzurra. Solo un paio di sbavature, ma i margini di miglioramento ci sono tutti.

Materazzi 6 – Se la cava piuttosto bene.

Chivu 4 – Quel pugno in faccia a Rossi è una “cazzata” priva di ogni senso. Per fortuna sua e dei compagni la terna arbitrale non vede. Squalifica (meritata) in arrivo.

Zanetti 6,5 – Se Maicon corre fino al 90′, il capitano corre fino al 96′. Il terzo gol è quasi esclusivamente merito del suo impegno e del suo innato spirito di sacrificio. Un esempio.

Thiago Motta 5,5 – Soffre molto il pressing degli avversari. E alla fine cade nella solita tentazione di commettere falli.

Kharja 7 – Un gol e un assist. Decisivo in due partite su due. Cosa volere di più da uno arrivato in punta di piedi e all’ombra di Pazzini?

Milito 5 – Impalpabile per tutto il tempo che è in campo. Giustamente sostituito (Sneijder 6,5 – Prova a far girare la squadra come i tempi migliori e segna anche un gol dopo un mese e mezzo di assenza dai campi da gioco. Per l’Inter il suo recupero può risultare determinante)

Pazzini 6,5 – Escluso il gol, si vede davvero poco nella serata di Bari. Ma i grandi attaccanti sono così: quando meno te l’aspetti, ti chiudono la partita.

Eto’o 7 – In ombra nel primo tempo, poi nella ripresa cambia marcia e sulla fascia sinistra diventa inarrestabile. Delizioso l’assist a Kharja per l’1-0.

Miro Santoro