Mangiare spinaci migliora la prestazione dei muscoli

Pensavamo fosse solo una pregorativa di Braccio di Ferro. Ma non è così. Mangiare spinaci fa bene ai muscoli e fa diventare più forti. Una ricerca pubblicata su Cell Metabolism dimostra infatti che i nitrati inorganici contenuti in grosse quantità in spinaci e altre verdure a foglia verde, migliorano le prestazioni dei muscoli, rendendoli più efficienti.

La ricerca – coordinata da Eddie Weitzberg, fisiologo del Karolinska Institutet di Stoccolma- ha esaminato un gruppo di uomini e donne che per tre giorni hanno assunto nitrati inorganici per poi pedalare su una cyclette. I muscoli dei soggetti in questione sono riusciti a sostenere lo sforzo consumando meno ossigeno, proprio perché i  mitocondri, le piccole “centrali respiratorie” delle nostre cellule, grazie ai nitrati consumano appunto meno ossigeno.

“I mitocondri – ha detto Weitzberg- di norma non sono pienamente efficienti, come del resto nessuna “macchina” biologica lo è. I nitrati, e soprattutto l’ossido nitrico che da essi si forma nel nostro organismo, sembrano in grado di ridurre i livelli di proteine che “frenano” il lavoro del mitocondrio”. Nessuna paura neanche per una per un possibile effetto negativo di un’assunzione prolungata di nitrati. “Abbiamo dimostrato di recente  – ha infatti sostenuto il coordinatore-  che i nitrati contenuti in frutta e verdura vengono trasformati in ossido nitrico dai batteri che abbiamo nel cavo orale: l’ossido nitrico è una molecola preziosa, che abbassa la pressione e dilata i vasi sanguigni”.

Resta da chiarire quale sia l’effetto del consumo di nitrati sui soggetti che soffrano di patologie in cui c’è un deficit della funzione dei mitocondri – come diabete o malattie cardiovascolari- dato che i volontari sono stati monitorati per un tempo davvero breve. Ma Weitzberg, anche in questo caso, assicura che la “cura” a base di nitrati necessaria per migliorare le prestazioni muscolari, corrisponde più o meno a una normale porzione di spinaci o due-tre barbarbietole.

Annastella Palasciano