Trafugato l’archivio di Fabrizio Corona: cercavano le foto osè del Cavaliere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:49

5 febbraio. L’agenzia Fenice, che fa capo al noto fotografo Fabrizio Corona, da anni alla ribalta delle cronache del gossip e giudiziarie per una moltitudine di vicende, è stata, nella ultime ore, teatro di un preoccupante furto. Dalla suddetta agenzia è stato trafugato l’archivio fotografico segreto.

A diffondere la notizia è stato Luca Arnau, il direttore. Secondo quest’ultimo si sarebbe trattato di un furto su commissione; i ladri non hanno nemmeno guardato né tantomeno toccato computer, schermi, macchine fotografiche, assegni, tutto materiale di un certo valore.

Si potrebbe dire, seguendo le parole di Arnau, che chi ha commesso il furto aveva in mano l’esatta fotografia della situazione ed ha colpito con inquietante sicurezza. Sempre secondo il direttore dell’agenzia, “cercavano le foto del premier nudo di cui si parla cosi’ tanto in questi giorni”. L’esistenza delle suddette è stata però duramente smentita dai legali del Premier.  A riguardo, Arnau ha ulteriormente precisato: “non erano nell’archivio, perche’ non sono in nostro possesso e non c’era null’altro di compromettente”.

Pochi giorni fa, “il fatto quotidiano”, diffuse la notizia di un’ipotetica esistenza di scatti compromettenti riguardanti il Presidente del Consiglio, scatti che sarebbero stati oggetto di trattativa da parte di alcune agenzie, disposte a spendere molto, dato l’alto valore economico degli stessi.

“Hanno pensato avessi foto scottant – ha spiegato preoccupato Fabrizio Corona – i ladri infatti hanno lasciato tutte le cose valore che c’erano in ufficio e hanno portato via solo i due computer dove c’era il mio archivio segreto. Gli altri computer li hanno lasciati. Come facevano a sapere cosa prendere? Adesso ho paura”.

A.S.


Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!