Kubica: terminato l’intervento dopo 7 ore. Salvata la mano

Dopo il tremendo incidente di cui è rimasto vittima questa mattina durante le prove del Rally Ronde a San Lorenzo di Testico, un piccolo centro nell’entroterra di Andora, Robert Kubica è ancora in gravi condizioni ma almeno la mano non sarà amputata, come ipotizzato inizialmente.

Dalle prime notizie, il pilota è stato sottoposto ad un intervento chirurgico durato sette ore proprio per cercare di recuperare la funzionalità dell’arto destro che potrebbe essere compromessa per le ferita riportate all’avambraccio e di contenere l’emorragia interna. Il professor Rossello, che ha eseguito l’intervento, si è detto moderatamente soddisfatto ma la prognosi resta riservata.

Daniele Morelli, manager di Robert Kubica, ha dichiarato <<Sfortunatamente l’impatto con il guardrail ha causato gravi danni. Gli sono state diagnosticate fratture multiple alla gamba e al braccio destro, in particolare complicazioni relative alla mano destra. L’intervento chirurgico, avvenuto presso l’ospedale d Santa Corona di Pietra Ligure, rimetterà a posto le connessioni e i tessuti. Vedremo in seguito l’esito dell’operazione il quadro generale, anche se non è ovviamente facile. Ora i medici devono affrontare la fase più difficile dell’intervento, quella di ripristinare le funzioni muscolari – ha dichiarato Morelli. Dobbiamo solo aspettare e sperare.>>

All’ospedale “Santa Corona” di Pietra Ligure dov’è ricoverato il pilota polacco, si è recato il ferrarista Fernando Alonso per far visita al collega non appena saputo dell’incidente. Visibilmente scosso, il ferrarista ha parlato prima con il manager dell’amico e poi con il medico che ha eseguito l’operazione.

Daniela Ciranni