Arte, teatro, musica e poesie d’amore: l’alternativa ai Baci Perugina?

Il quattordici febbraio si avvicina. Anche quest’anno sono molti gli italiani in cerca della tanto agognata idea originale per far sì che il giorno di San Valentino resti nella propria memoria ed in quella della persona amata. Si sa: il San Valentino più anticonformista sarà quello degli innamorati che boicotteranno tale ricorrenza in nome di quell’amore che va celebrato e coltivato ogni giorno, e che si nutre di ben altro cibo rispetto ai Baci Perugina. Il punto è…di cosa si nutre l’amore? Se qualcuno di noi lo sapesse davvero, probabilmente si interromperebbe il meccanismo che ha rimpinguato buona parte della letteratura da millenni. Non sono pochi coloro che pensano che l’amore fra due essere umani possa essere per lo meno rinfocolato dal potere della cultura, altrimenti per quale motivo sotto la carta dei celebri cioccolatini di San Valentino si troverebbero dei bigliettini con su scritti aforismi? Di certo regalare dei Baci Perugina il quattordici febbraio alla persona che si ama non è affatto un’idea ardita né originale; di alternative valide ai ridondanti cioccolatini ne esistono eccome. La capitale propone eventi per tutti i gusti, dedicati a coloro che non hanno voglia di festeggiare come avevano fatto negli anni precedenti.  Il dieci febbraio presso Palazzo Margiani aprirà i battenti una mostra destinata a durare fino al fatidico giorno degli innamorati. L’esposizione, dal titolo “Art Lover Passion in Rome” è dedicata alle tematiche dell’amore e della passione. All’inaugurazione ci sarà modo di ascoltare anche dei brani del musicista Roman Barabakh. La mostra è a cura di Ilaria Pergolesi. Le coppie di inguaribili romantici potrebbero festeggiare il giorno degli innamorati al Teatro Eliseo, dove si terrà lo spettacolo “Romeo e Giulietta” di Shakespeare, con Riccardo Scamarcio nel ruolo del giovane Montecchi. Il quattordici febbraio, presso la Sala Santa Cecilia dell’ Auditorium, l’ Orchestra dell’ Accademia Nazionale di Santa Cecilia si esibirà in un concerto che prevede, fra le altre, la Sinfonia numero quattro di Beethoven. A San Valentino la Band Di Josè Gonzales presenterà l’album di debutto “Fields” presso il Circolo degli Artisti. Gli amanti della poesia potranno, invece, festeggiare con Alfonso Gatto. Giuseppe Caccavalle, artista, ha deciso di progettare la costruzione visiva delle poesie d’amore del celebre poeta italiano. I testi di Alfonso Gatto figureranno sul soffitto del Salone della Calcografia. Non è forse meglio del “piacere di contentino” che lascia il retorico biglietto impregnato di cioccolata dei Baci Perugina?
Va ricordato, inoltre, che nel giorno di San Valentino in tutti i musei, monumenti e siti archeologici statali, se ci si presenterà in due si entrerà pagando come se si fosse soli.

Martina Cesaretti