Pagelle Napoli-Cesena: Ok Cavani e Maggio. Tanti i bianconeri sotto il 6

PAGELLE NAPOLI-CESENA 2-0. Il Napoli di Mazzarri archivia la sconfitta subita a Verona nel turno infrasettimanale giocato mercoledì scorso, battendo un Cesena davvero inguardabile e poco pericoloso nel corso dei 90 minuti giocati al San Paolo. Tra i partenopei hanno brillato Maggio e Cavani, che con il gol segnato ieri pomeriggio è salito a quota 18 nella classifica dei marcatori di Serie A. Nel Cesena si sono invece salvati in pochi: la squadra di Ficcadenti non ha mai tirato verso lo specchio della porta difesa da De Sanctis, e solamente Antonioli e Jimenez hanno giocato in maniera sufficiente.

NAPOLI:

De Sanctis 6: Gara da spettatore in campo per l’estremo difensore partenopeo, visto che il Cesena non ha mai tirato in porta.

Santacroce 5,5: Soffre Jimenez e le sue incursioni. Da rivedere.

Cribari 6,5: Ferma Budan e Bogdani con ogni mezzo a disposizione. Parte da lui l’azione per il gol di Cavani.

Aronica 6,5: Un lottatore in mezzo al campo. Limita alla perfezione Giaccherini.

Maggio 7: Ottima gara la sua. Serve l’assist per il gol di Cavani e cerca anche la rete personale. Una svista arbitrale non gli permette di festeggiare al 48’ del secondo tempo.

Yebda 6: L’ex-Benfica gioca una buona gara, sostituendo in maniera egregia Pazienza.

Gargano 6,5: Dal suo destro nascono sempre delle ottime giocate, che fanno tremare la retroguardia bianconera.

Zuniga 6,5: Offre un buon contributo sulla fascia sinistra. Cerca anche il gol, ma la poca lucidità lo tradisce quando è vicino all’area avversaria. (Dall’85’ Dossena Sv).

Hamsik 6,5: Dai piedi dello slovacco parte l’azione che porta in vantaggio il Napoli. (Dal 74’ Mascara 6,5: Battezza la sua prima partita in maglia azzurra servendo a Sosa la palla del 2 a 0).

Lavezzi 6,5: Il Pocho fa tanto movimento in avanti, creando scompiglio nella difesa bianconera. All’85’ cerca anche il gol, ma sbatte contro un buon Antonioli. (Dal 90’ Sosa 6,5: Entra e dopo pochi secondi fa gol. Le cose forse stanno iniziando a girare bene per il Principito).

Cavani 7,5: Quando è in giornata sì segna in ogni modo. Ottima la sua gara anche in fase di copertura.

Mazzarri 7: Il suo Napoli ieri ha reagito e giocato da grande squadra. Il Milan è a soli 3 punti di distanza: perché accontentarsi solo di un secondo posto, quando invece c’è uno scudetto ancora a portata di mano?

CESENA:

Antonioli 6,5: Il nonno dimostra ancora una volta di saperci fare. E’ solo grazie a lui che il Cesena non subisce una goleada dal Napoli.

Dellafiore 5: Gioca una gara davvero brutta. Non riesce a bloccare i vari Zuniga e Lavezzi.

Von Bergen 5: Si lascia scappare Cavani e Sosa, che lo ringraziano segnando le due reti decisive.

Pellegrino 5: La sua gara di ieri si può sintetizzare con un solo aggettivo: eterea.

Santon 4,5: Dov’è finito quel giovane ragazzo di belle speranze, battezzato da Mourinho e Lippi come Il predestinato?

Caserta 5: Non incide per niente nella manovra offensiva del Cesena. (Dal 54’ Sammarco Sv).

Colucci 5,5: Prova in qualche modo ad accendere la luce a metà campo, ma anche lui è sembrato avulso da tutto e da tutti.

Parolo 5: Gara da dimenticare. (Dall’81 Rosina Sv).

Giaccherini 5: Cerca di creare qualche problema alla difesa azzurra, che però lo limita senza alcun problema. (Dal 71’ Budan Sv).

Jimenez 6: Corre e lotta su ogni pallone. L’unico dei romagnoli in campo ad andare oltre il 5.

Bogdani 5: Cribari gli mette la museruola, e così non combina niente per tutta la gara.

Ficcadenti 5: Dopo le buone prove offerte contro Lecce e Catania, il suo Cesena gioca un gara davvero inguardabile al cospetto del Napoli. Urgono subito dei cambiamenti, perché la classifica si è fatta davvero pericolosa.

Simone Lo Iacono