Piemonte: treno con scorie radioattive bloccato da manifestanti

Protesta contro il nucleare in Piemonte. Un gruppo di manifestanti ha bloccato questa mattina un treno carico di scorie radioattive che era diretto verso la Francia. Il fatto è avvenuto prima dell’alba, attorno alle ore cinque, presso la stazione di Condove (Torino).

Il blocco del treno ha impedito la regolare circolazione ferroviaria per più di un’ora e mezza. I treni hanno ricominciato a viaggiare alle 6.40, quando i manifestanti hanno rimosso il blocco e il convoglio con le scorie è potuto ripartire. Molti i pendolari che sono rimasti danneggiati dai ritardi provocati dalla manifestazione. Alcuni treni sono stati addirittura soppressi.

La protesta si è svolta senza grossi incidenti – è stato solo bruciato qualche copertone. Alcuni dei manifestanti sono stati identificati dalla Polizia Ferroviaria, la quale è prontamente giunta sul posto.

Le scorie nucleari, da quanto si è saputo, provenivano dal deposito di accumulo di Saluggia (Vercelli), un paese quattromila persone in cui si trova il reattore sperimentale ‘Avogrado RS-1’. Il reattore stesso è stato chiuso nel 1971 ed oggi costituisce un centro per lo stoccaggio di materiale irraggiato. Le scorie sono destinate ad alcuni centri speciali francesi in cui verranno trattate, rese sicure e poi inviate nuovamente in Italia. Un programma di smaltimento che dovrebbe essere eseguito fino ai primi mesi del 2012.

Gianluca Bartalucci