Bersani: “I liberali siamo noi, ecco 34 proposte”

L’Italia ha bisogno di una nuova stagione di liberalizzazioni, intesa in senso ampio e molteplice. Ciò vuol dire: aprire alla concorrenza mercati chiusi o in regime di monopolio, dare più potere e libertà ai consumatori rivedere la regolamentazione di alcuni settori di grande impatto sociale, in cui la liberalizzazione ha funzionato poco e male. Ecco che arriva dal Pd la sfida al governo, in risposta al Consiglio dei ministri di oggi.

Ecco gli ambiti di intervento e le 34 azioni che sostengono i democratici di Bersani. PROFESSIONI: 1) Modernizzare il ruolo e l’assetto degli Ordini professionali.
2) Garantire pari opportunità alle giovani generazioni.
3) Riformare il tirocinio, prevedendo una durata limitata ed un equo compenso.
4) Equiparare le professioni intellettuali al settore dei servizi.
5) Riconoscere le professioni non regolamentate.

FARMACI:
6) Liberalizzazione della vendita di tutti i medicinali a carico dei cittadini.

7) Facoltà alle farmacie di stabilire un orario di apertura superiore al minimo.

CARBURANTI ED ENERGIA:
8) Libertà di approvvigionamento dei gestori della rete dei carburanti.
9) Acquirente unico per il commercio all’ingrosso dei carburanti.
10) Eliminazione dei vincoli regionali sulla liberalizzazione della distribuzione dei carburanti.
11) Separazione proprietaria rete trasporto gas. Continuano, di seguito, le proposte del Pd.
BANCHE:
12) Portabilità gratuita dei conti correnti.
13) Abolizione della clausola di massimo scoperto e di altre commissioni analoghe nei c/c bancari.
14) Divieto di ricoprire incarichi incrociati nei Cda delle banche.
AUTORITÀ DI REGOLAZIONE, TRASPORTI E POSTE:
15) Istituzione dell’Autorità dei trasporti.
16) Regolazione del settore dei trasporti.
17) Trasferimento delle funzioni di regolamentazione dei servizi postali all’Agcom. 18) Divieto di ricoprire più incarichi nelle autorità indipendenti.
19) Regolamentazione delle tariffe autostradali.
20) Soppressione del pubblico registro automobilistico.
ASSICURAZIONI:
21) Abrogazione del tacito rinnovo del contratto RC auto.
22) Divieto di modifiche unilaterali del contratto RC auto.
23) Promozione dei gruppi di acquisto solidali polizze RC auto.
24) Revisione del meccanismo del bonus malus.
25) Istituzione dell’Ufficio centrale antifrode.
COMMERCIO:
26) Estensione a tutte le attività commerciali di fornire liberamente ai consumatori anche servizi integrati con la propria attività economica principale.
27) Facoltà apertura domenicale dei negozi nei Comuni non turistici.
28) Sostegno fiscale, per i primi anni di attività, agli esercizi di prossimità nei centri minori.
SEMPLIFICAZIONI PER LE IMPRESE:
29) Consentire l’avvio immediato di stabilimenti produttivi con autocertificazione e controlli ex-post.
30) Dare piena autonomia alle imprese.
31) Facilitare l’accesso a nuove attività economiche.
TUTELA DEI CONSUMATORI:
32) Semplificazione dell’accesso alla class action.
33) Estensione del campo di applicazione della class action.
34) Eliminazione dei disincentivi a intraprendere azioni di tutela.

Matteo Oliviero