Falsi invalidi: 5 arresti a Napoli, coinvolta anche la camorra

Scoperta un’altra truffa riguardante i falsi invalidi a Napoli. Al momento sono cinque le persone arrestate dai carabinieri. Gli arrestati sono ritenuti affiliati dal clan camorristico dei Mazzarella, che opera soprattutto nel centro storico di Napoli.

In origine la truffa era stata messa in piedi, secondo quel che è emerso fino ad oggi, da un consigliere municipale a Napoli del Pdl, Salvatore Alajo, e dalla moglie Alexandra Danaro. I cinque fermati si sarebbero inseriti all’interno dell’organizzazione del consigliere Pdl con lo scopo di reclutare falsi invalidi, pretendendo poi di riscuotere una parte dell’indennità che questi ultimi avrebbero ricevuto dallo Stato. Il clan camorristico si sarebbe perciò infiltrato all’interno di un sistema già ampiamente diffuso e funzionante, arrivando a reclutare persone anche facendo loro violenza.

Coloro che venivano costretti a fingersi invalidi erano per lo più soggetti di bassa manovalanza già inseriti in alcuni giri della Camorra.

Per i cinque arrestati valgono le accuse di associazione per delinquere finalizzata alla truffa, corruzione aggravata, violenza e minacce per indurre reato, contraffazione di sigilli e falsità materiale.

Ulteriori informazioni sull’operazione dei carabinieri dovrebbero essere rilasciate nelle prossime ore.

Gianluca Bartalucci