MotoGP, Capirossi pronto per il nuovo capitolo Ducati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:58

La Ducati Team Pramac per la stagione 2011 ha voluto puntare davvero in alto con una coppia di pilota inedita ma che già dal nome assicura prestazione e risultati. Da un parte vi è il francese Randy de Puniet, una vera sorpresa negli ultimi anni capace di combattere con i migliori rider della categoria nonostante un mezzo poco competitivo, mentre dall’altra troviamo il veterano Loris Capirossi, giunto alla sua ventiduesima stagione nel motomondiale ma soprattutto tornato a quella che una volta era la sua famiglia: la Ducati. Tre anni difficili con la giapponese Suzuki ed ora vero e proprio ritorno a casa, per concludere forse la carriera con un ultimo gesto d’amore verso quella realtà che ha dato e gli ha dato tanto. Ovvio quindi percepire ottimismo nel team e nelle parole del titolare Paolo Campitoti.

“Sono dieci anni che facciamo parte di questo mondo e puntiamo a rimanerci per molti anni ancora. Per la stagione che sta per iniziare abbiamo puntato su due piloti di altissimo livello come Loris Capirossi e Randy De Puniet. Siamo sicuri che grazie al loro talento avremo molte possibilità di festeggiare al meglio i nostri primi dieci anni in MotoGP. Il nostro obiettivo minimo per questa stagione è di diventare il primo Team satellite in classifica” Il primo traguardo da raggiungere è segnato, ma il vero sogno resta quello di combattere contro i team più forti e riconquistare un posto sul podio.

E Loris Capirossi vuole proprio questo, interrompendo così una serie di risultati negativi che ormai si protrae da troppo tempo: “Per me correre con il Pramac Racing Team vuol dire rimettermi in discussione, con la certezza di poter ottenere dei buoni risultati”. Ovviamente però il fatto di essere tornati con la squadra italiana è una nuova e grande motivazione: “Sono stato per cinque stagioni alla Ducati, ritornarci a distanza di tre anni vuol dire rientrare in una grande famiglia. Non ci ho riflettuto un attimo quando mi è stato proposto di tornare”.

E conclude: “La mia storia in MotoGP non è ancora finita. Penso di poter dare ancora tanto a questa categoria, indipendentemente dalle nuove regole” Vedremo se in pista tutto questo diverrà realtà. I test a Sepang non sono stati facili, ma il tempo per recuperare vi è tutto. Un nuovo capitolo della favola Capirossi-Ducati sta per iniziare, speriamo contenga anche il lieto fine.

Riccardo Cangini

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!