Ventenne muore per operazione chirurgica: voleva fondoschiena come Jennifer Lopez


Una ventenne è morta negli Usa per un intervento chirurgico ai glutei.

Per ‘sfondare’ nel mondo dell’hip hop, Claudia Aderotimi, studentessa nigeriana di vent’anni trapiantata a Londra, si era sottoposta ad un’operazione per aumentare le dimensioni del suo fondoschiena. L’ultimo intervento, un “ritocco” per perfezionare le curve, le è costato la vita.

“Voleva fare la cantante e la ballerina, pensava di avere talento e che con un sedere vistoso le si sarebbero aperte le porte dell’hip hop”, ha dichiarato Tee Ali, talent scout che conosceva la ventenne. Questa sognava un sedere alla Jennifer Lopez, ambendo a diventare la classica star latina prorompente.

Sulla sua morte è stata aperta un’inchiesta dalla polizia di Filadelfia, sotto accusa i gestori dell’hotel dove Claudia ha subito l’iniezione fatale di silicone: la donna che ha eseguito il breve intervento è stata ascoltata ieri.

Ossessionata dal pensiero di entrare nel mondo dello spettacolo, la ragazza era stata respinta quando alcuni discografici che la ingaggiarono scoprirono le imbottiture nei suoi jeans. Aveva cercato di aumentare il volume del fondoschiena con metodi tradizionali, forse goffi, per cui il passo successivo era stato facile: un’operazione di chirurgia plastica, avvenuta lo scorso novembre.

L’intervento mortale, un’iniezione di silicone liquido, vietato negli Stati Uniti, avrebbe dovuto modellare maggiormente il risultato già ottenuto.

“E’ una tragedia che non sarebbe dovuta accadere”, afferma Phil Haeck, presidente dell’American Society of Plastic Surgeons, durante un’intervista a SkyNews.

La donna spiega che il silicone per l’operazione ‘domestica’ sia vietato, così come l’intera procedura tentata per il ritocco, un metodo non approvato dalla Fda.

Claudia ha accusato forti dolori al petto qualche ora dopo l’intervento e, portata in ospedale, è morta in pochi istanti.

Secondo i primi report del medico legale, il decesso è stato causato da un arresto cardiaco, sopraggiunto con l’ingresso di silicone nelle vene.

Carmine Della Pia