Vertenza Merloni, senza esito incontro al Ministero delle Attività Produttive

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:21

Il Comitato dei Lavoratori A. Merloni dello stabilimento di Colle di Nocera Umbra (PG) si ritiene insoddisfatto riguardo all’incontro di lunedì scorso a Roma presso il Ministero delle Attività Produttive, che non ha portato novità positive per quanto riguarda le proposte di interesse da parte della società iraniana Mmd e del gruppo cinese G8. E’ quanto si legge in un comunicato che porta la firma del portavoce Gianluca Tofi.

La preoccupazione dei lavoratori, inoltre, si riferisce al fatto che, in occasione del suddetto incontro, “non è stato nemmeno discusso il prolungamento della cassa integrazione e dei benefici della legge Marzano, nonostante si stia avvicinando la scadenza a maggio”.

“Quello che chiediamo urgentemente ai Commissari incaricati – afferma la nota – è di accelerare i tempi per un nuovo incontro, visto che l’ultimo è risalente allo scorso ottobre”. Il tutto “per fare il punto della situazione e per portarci a conoscenza dei relativi piani industriali, in modo da poterne valutare la credibilità a partire dalla capacità di riassorbimento della forza lavoro”.

Per quanto concerne le altre proposte di offerte parziali emerse nel corso dello stesso incontro di lunedì (11 in tutto), il Comitato è concorde con i colleghi del sito marchigiano e dice, quindi, no alla soluzione in questione, “perché, a quel punto, si tratterebbe soltanto di un frazionamento degli unici due stabilimenti rimasti invenduti, quelli di Nocera Umbra e Fabriano, e non ci sarebbe nessuna garanzia per le sorti dei 2.400 lavoratori coinvolti”.

L’ultima richiesta è, infine, rivolta alle rappresentanze sindacali, affinché convochino un’assemblea di fabbrica unitaria “per portare a conoscenza tutti i lavoratori della reale situazione e non, come già successo più volte in passato, convocare assemblee separate e ad invito per i soli iscritti. Crediamo che, – conclude la nota – specialmente in questa fase, non ci sia bisogno di ulteriori spaccature”, ma di unità verso un obiettivo “che dovrebbe essere lo stesso per tutti”, ovvero “la salvaguardia dei posti di lavoro e di un’intera economia”.

Mauro Sedda

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!