Mubarak si è dimesso, potere ai militari. La folla: “Abbattuto regime”


Hosni Mubarak si è dimesso. Lo annuncia il vice-presidente Omar Souleiman in un intervento alla televisione.

Con la rinuncia al mandato di Mubarak, il potere passa al Consiglio Generale delle forze armate.

Si stima che circa un milione di persone siano al Cairo, soprattutto in piazza Tahrir: una folla di bandiere e un boato, all’annuncio, “Abbiamo abbattuto il regime, dio è grande”.

Gli scontri sono proseguiti questa mattina, un migliaio di persone aveva attaccato una caserma, con un altro tragico bilancio: un morto e venti feriti.

Nonostante il dietrofront dell’esercito, l’Egitto si libera di Mubarak.

Giorni fa, uno scontro nello scontro, in seguito all’annuncio delle forze militari di eseguire un “pacifico passaggio dei poteri” secondo “elezioni libere”.

La posizione aveva scatenato un’altra sommossa del popolo, che aveva giudicato la mossa del Consiglio come un tradimento: “Ci avete delusi, noi avevamo riposto in voi tutte le nostre speranze”, urlava un manifestante con il microfono strappato ad un colonnello che aveva letto l’annuncio in piazza.

I militari avevano tentato di placare la situazione, facendo sapere: “Non perseguiremo le persone oneste che hanno lottato contro la corruzione nel Paese. Alla luce dei recenti avvenimenti e del passaggio delle deleghe dal presidente al suo vice e nell’interesse della stabilità e della sicurezza del Paese, garantiamo la fine dello stato d’emergenza”.

La tv di Stato egiziana ha commentato la notizia delle dimissioni di Mubarak: “Solo la storia potrò giudicare il nostro presidente Mohammad Hosni Mubarak. Fino alla fine, il nostro raìs si è dimostrato saggio e lungimirante nel fare la scelta migliore per la nostra cara patria”.

Il premio Nobel egiziano e leader della protesta, El Baradei, ha affermato: “E’ il più bel giorno della mia vita, il Paese è più libero”.

Mentre il potere passa nelle mani del Consiglio Generale delle Forze Armate, le ultime notizie di Mubarak parlavano di una partenza per Sharm el-Sheik.

Carmine Della Pia