L’Arsenale della Danza presenta il risultato della masterclass di Niels “Storm” Robitzky

L’Arsenale della Danza,il centro di perfezionamento nella danza contemporanea della Biennale di Venzia, apre le porte al pubblico per mostrare il risultato della masterclass dedicata a breakdance e stili funk tenuta da Niels “Storm” Robitzky.

I 25 giovani impegnati nell’apprendere e migliorare le tecniche della fanza si esibiranno davanti al pubblico sul palco del Teatro Piccolo Arsenale sabato 12 febbraio alle ore 18, ad ingresso gratuito.

Niels Robitzky è nato a Berlino ed è uno dei migliori esponenti dell’hip hop internazionale. Il nome d’arte Storm è legato alla sua esperienza nel campo della danza di strada a New York: “A New York quelli del Rock Steady Crew di Harlem, sotto la guida di Wiggles, erano i re della strada e io ero uno di loro. Una sera, in un club, uno ha voluto sfidarmi. E io l’ho fatto letteralmente a pezzi, l’ho bruciato, burnt out. Quella sera Wiggles mi ha soprannominato Firestorm, tempesta di fuoco. E’ rimasto Storm”, spiega Robitzky.

In seguito l’artista ha conquistato numerosi competizioni internazionali e si è esibito in tutto il mondo anche a Venezia nell’ambito della Biennale Danza del 2002 quando si esibì con lo spettacolo intitolato Solo for Two.

Il tema di questa edizione dell’Arsenale della Danza, che terminerà il suo percorso il 15 maggio, è Body in Progress e vede coinvolti venticinque danzatori che hanno superato le selezioni tenutesi a Venezia, Vienna e San Paolo del Brasile.

Nato con l’idea di dare impulso alla creatività, soprattutto giovane, e di favorire l’ingresso nel mondo professionale, l’Arsenale della Danza ha visto alcuni dei partecipanti alle passate edizioni ottenere prestigiosi riscontri come, ad esempio il diciottenne Roberto Lazzari che ha spiccato il volo per New York e la prestigiosa scuola Alvin Ailey American Dance Theater, dove ha seguito un corso estivo grazie a una borsa di studio, rinnovata quest’anno per una sessione di 5 mesi.

Il corso di formazione prevede 7 cicli di masterclass tenuti da coreografi e danzatori di fama internazionale, al termine di ognuno si svolge una dimostrazione aperta al pubblico: gli Open Doors, previsti sempre alle ore 18 negli spazi del Teatro Piccolo Arsenale.

Beatrice Pagan

La foto è di Akiko Miyake