Popolo Viola contro Anti-puritani: aspettando ‘Se non ora quando?’


Se non ora quando?, si chiedono in quanti domani, 13 febbraio, manifesteranno in tutte le piazze contro l’immagine degradata della donna, e dei cittadini italiani, a seguito del Rubygate.

L’atmosfera è riscaldata, in questi giorni, da altri cortei collaterali, un dissenso quanto mai bipartisan: il Popolo Viola da un lato, gli Anti-puritani dall’altro.

Giuliano Ferrara, infatti, ha organizzato una manifestazione per dissentire dai “falsi moralisti”, riunendo 1500 persone al Teatro Dal Verme di Milano.

I Viola, invece, sono in piazza per fornire “la migliore risposta alla manifestazione farsa inscenata dagli sgherri pagati da Berlusconi, a partire dalla Santanchè”.

Ci si riferisce all’iniziativa avvenuta ieri davanti al “palazzo dell’ingiustizia”, come amava ripetere il sottosegretario Daniela Santanchè: “Vi do una notizia, questo processo finirà in niente perché le presunte vittime smentiscono di esserlo e non vi è concussione perché non vi è un concusso. Quanti processi ha subito qui Silvio Berlusconi finiti nel nulla? Questo presidio è per ricordare ai giudici che stanno mettendo a rischio l’immagine dell’Italia, perché Silvio Berlusconi è presidente di tutti gli italiani. E’ possibile che i giudici non paghino mai, nonostante un referendum si fosse espresso in questo senso?”.

Se la manifestazione di Giuliano Ferrara, con tanto di mutande appese sul palco, ricordando il motto della giornata, In mutande ma vivi, ha attirato 1500 persone, sembra sia andata diversamente per il corteo sotto al palazzo di Giustizia: un centinaio di partecipanti, anche se gli organizzatori parlano di almeno 1000 manifestanti.

Sara Giudice, consigliere di zona del Pdl di Milano, che ha espresso più volte le sue titubanze sul sistema di promozione del premier Silvio Berlusconi, aveva portato al Teatro Dal Verme le dodici mila firme raccolte per chiedere le dimissioni di Nicole Minetti: un’iniziativa snobbata sia da Giuliano Ferrara, sia dal presidente della Lombardia, Roberto Formigoni, presente in sala.

Tali iniziative anticipano solo di un giorno la manifestazione che domani, 13 febbraio, inizierà sin dalle prime ore del mattino in tutta Italia.

Carmine Della Pia