San Valentino 2011: ecco la chimica dell’amore perfetto

Innamorati e romantici di tutta Italia, il 14 febbraio è alle porte. Per San Valentino 2011 è bene considerare la chimica dell’amore perfetto e avere a portata di mano gli ormoni giusti.

Sono stati gli esperti del Consiglio Nazionale dei Chimici a mettere l’accento su questo punto, ricordando come la passione amorosa si fonda sull’interazione di ormoni diversi, che contribuiscono a dettare le sorti delle relazioni: l’amore è tutta questione di chimica, in ogni sua sfumatura, dall’avventura di una notte alla fedeltà all’attaccamento morboso; sono gli elementi chimici a governare, o comunque ad avere un ruolo non trascurabile, nelle relazioni interpersonali.

Gli esperti hanno spiegato: “Da anni la ricerca scientifica ha evidenziato come i meccanismi dei sentimenti siano strettamente legati alla presenza/assenza di alcune sostanze chimiche nel corpo. Insomma, tutta la filiera dell’amore è governata dalla chimica”. In base al tipo di rapporto amoroso che siamo disposti a portare avanti, entrano in gioco differenti sostanze chimiche: feromoni per l’attrazione e testosterone maschile per la passione nel colpo di fulmine, feniletilamina, dopamina e norepinefrina associate a poca serotonina nell’innamoramento e nell’amore romantico. 

Molto chiara e significativa è la spiegazione di Armando Zingales, presidente del Consiglio Nazionale dei Chimici: “Nel rapporto affettivo a lungo termine è ormai assodato l’importante ruolo svolto dalla chimica. Per esempio, nelle donne è l’ossitocina a favorire l’attaccamento al proprio partner o se si vuole la fedeltà, mentre nell’uomo è la vasopressina a svolgere un ruolo di sereno appagamento. Possiamo quindi dire che gli uomini con livelli bassi di vasopressina sono più predisposti al tradimento“. 
Tutti gli innamorati dovrebbero tenere presente questo concetto e sfruttarlo a loro vantaggio. Rivelatori dell’infedeltà potrebbero essere valori bassi di vasopressina. La donna da scegliere come compagna per la vita, beh, quella invece, dalle analisi, risultata ben dotata in ossitocina. Il testosterone alle stelle è sinonimo di una passione travolgente e di forte attrazione fisica.

“Il fatto che la chimica sia così importante in tutti gli aspetti della nostra vita, compresi quelli più intimi e personali come l’amore e la fedeltà – conclude Zingales – non deve stupirci né disorientarci. La natura non ha paura della chimica, ma la usa sapientemente. Noi dobbiamo imparare a fare altrettanto, perché non c’è vita senza chimica e la qualità della vita dipende dalla chimica stessa”.

E’ quindi vero che l’amore è tutta una questione di chimica?

Adriana Ruggeri