La Crus e GnuQuartet insieme sul palco di Sanremo

Il 17 febbraio al Festival di Sanremo, in occasione della serata dedicata ai 150 anni dell’unità d’Italia, il GnuQuartet sarà ospite dei La Crus per rivisitare il celebre brano degli anni Trenta Parlami d’amore Mariù, scritta per la voce dell’indimenticato Vittorio De Sica che la interpretò nella pellicola Gli uomini, che mascalzoni…

La performance che i La Crus offriranno sul palco dell’Ariston è già di per sé un evento per tutti coloro che hanno seguito il gruppo milanese nella loro ultradecennale carriera. Infatti, come precisato dal frontman Mauro Ermanno Giovanardi, che ha peraltro appena pubblicato il proprio secondo album da solista, “saremo ancora insieme solo per questa occasione speciale”.

Ad aggiungere valore a tutto ciò, è appunto la scelta di avere al proprio fianco una band, il GnuQuartet, che fa della raffinatezza e dell’eclettismo le proprie armi.

La partecipazione degli Gnu, il quartetto genovese (Francesca Rapetti , flauto – Roberto Izzo, violino – Raffaele Rebaudengo, viola – Stefano Cabrera, violoncello) che ha già all’attivo collaborazioni con artisti come Afterhours, Baustelle, Simone Cristicchi, Niccolò Fabi, L’aura, Gino Paoli, Boosta e Samuel dei Subsonica e che coniuga il virtuosismo della musica jazz con venature pop e rock, avviene contemporaneamente al lancio del primo singolo Undisclosed desires tratto dall’album Something Gnu in uscita a metà aprile. Il singolo è una particolare rivisitazione del celebre brano dei Muse.

La scelta del nome del gruppo nasce da una leggenda africana per cui lo gnu sarebbe il risultato dell’incrocio di differenti specie di animali. Allo stesso modo GnuQuartet è un connubio di esperienze individuali diverse nella musica classica, brasiliana, jazz e d’autore, nell’arrangiamento, come compositori e autori, con sconfinamenti nel teatro colto e comico e nel cinema. Un quartetto che nasce nel 2006 con il corpo da musicista classico, il cervello da jazzista e le zampe da rockettaro.

Un angolo di qualità nel sempre discusso Sanremo.

Pier Luigi Balzarini