Bambino Gesù: intervento di 11 ore per trapianto di fegato a una bambina di 5 anni

Una grave e rara forma di tumore infantile, l’epatoblastoma, che non le faceva vivere un’infanzia felice. Intisar, una bambina palestinese di 5 anni, è stata sottoposta ad un intervento di trapianto di fegato durato 11 ore e perfettamente riuscito, dopo esser stata trasferita in Italia da Gaza grazie ai volontari della Angels onlus e all’interessamento del ministero degli Esteri.

<<Dopo un primo periodo di chemioterapia, presso il dipartimento di Oncologia pediatrica dell’Umberto I – commenta Benedetta Paravia, portavoce della Angels – si è subito capito che la bimba necessitava di un trapianto di fegato. In questi giorni di polemiche poco costruttive e di grandi cambiamenti internazionali, il nostro operato verso una bimba, a cui veniva negato il diritto di vivere, è stato possibile grazie alla solidarietà degli italiani e della Cooperazione internazionale>>.

La piccola Intisar adesso potrà vivere una vita normale con il suo nuovo fegato e tra due giorni, tramite la onlus, la mamma e gli altri due figli la raggiungeranno per assistere Intisar nella lunga convalescenza e non lasciare solo il suo papà a Roma.

Il sindaco di Roma Gianni Alemanno, come si legge nella nota riportata dall’agenzia di stampa Asca, ha dichiarato <<Grazie alla grande professionalità dell’equipe del professor Jean de Ville e dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù, oggi si è realizzato un vero e proprio miracolo. Proprio dalla nostra città parte ancora una volta un messaggio di speranza nei confronti di chi viene da altre nazioni e si trova in stato di disagio e malattia>>.<!– –>