Mafia: 500mila euro sequestrati a boss di Agrigento

Operazione antimafia conclusasi con successo nelle ultime ore in Sicilia. Dopo una serie di indagini, la Direzione investigativa antimafia di Palermo ha sequestrato ad un uomo, presunto affiliato mafioso, numerosi beni per un valore che si aggira attorno al mezzo milione di euro.

Il proprietario dei beni posti sotto sequestro è un 51enne di Lucca Sicula (Agrigento) che risulta già detenuto. Gli investigatori pensano che si tratti di un “personaggio di spessore nel sodalizio mafioso del comprensorio di Sciacca (provincia di Agrigento)”.

Il detenuto è stato condannato l’anno scorso a scontare una pena di 11 anni e 4 mesi di reclusione per i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso. Al momento della sentenza, si ritenne che egli fosse un boss molto vicino al clan mafioso di Lucca Sicula e Ribera.

Il sequestro dei beni (si tratta principalmente di immobili, autovetture, conti correnti e libretti di deposito) è stato effettuato su decreto emesso dal Tribunale di Agrigento, il quale ha evidenziato come ci fosse una notevole differenza tra il valore dei beni posseduti dall’uomo, i redditi di volta in volta dichiarati e i lavoro svolti.

Gianluca Bartalucci