Iva Zanicchi difende il Cav: “Usano Sanremo per ‘sputtanarlo'”

E il premier continua a godere della strenua difesa di Iva Zanicchi, cantante ora europarlamentare già nota per la sua incrollabile fede berlusconiana. “Ancora una volta si e’ utlizzato un evento visto da milioni di persone per ‘sputtanare’Berlusconi, questa volta proprio con un bel brano che dichiarava l’intento”, ha spiegato l’ex conduttrice di “Ok il prezzo è giusto”, anche e soprattutto artista che ha già partecipato al festival di Sanremo. In riferimento all’esibizione di Luca e Paolo di ieri sera, nella prima serata del festival, nella quale i due comici hanno preso spunto da un pezzo del conduttore Gianni Morandi per fare ironia sull’attualità politica.

“Nel nome della satira – spiega la Zanicchi da Bruxelles – ormai si puo’ fare qualsiasi infamita’, basti pensare cosa a fatto con me Benigni due anni fa. Detto questo, attaccare ancora una volta Berlusconi, in una giornata cosi’ particolare come ieri, alle 22.30 davanti a 13 milioni di persone, non e’ stato di buon gusto, per usare un eufemismo. Soprattutto da parte di due ragazzi che da anni mangiano nel piatto di Mediaset e che, per carita’, sono molto divertenti e carini”.

Come risolvere? L’europarlamentare s’accoda alla dichiarazione del numero uno del primo canale Mauro Mazza, secondo il quale sarebbe necessario rimediare con della satira nei confronti dell’opposizione. “Mi auguro – ha spiegato la cantante – che nelle serate successive facciano la stessa cosa sulla sinistra, anche se mi rendo conto che dall’altra parte il panorama e’ talmente piatto che e’ piu’ difficile. Ma un po’ di par condicio a questo punto ci vuole. Non si puo’ gettare fango a senso unico, sempre”.

v.m.