Justin Bieber: ecco cosa pensa di sesso, aborto e politica

Un idolo. Sì, il ragazzino prodigio Justin Bieber è un vero e proprio idolo per moltissime teen agers del mondo intero. Adorato, osannato, difeso strenuamente quando qualcuno prova ad attaccarlo, dicendo che la sua non è vera musica. Loro ci sono: sono le sue fan e si fanno avanti pur di difendere la star della musica che adorano.

E proprio Justin torna a far parlare di sé. Il cantante sedicenne si apre in un’ intervista rilasciata a Rolling Stones, in cui esprime alcune opinioni relative a sesso, amore e politica. Il giornalista si dimostra mlto curioso di scoprire quale sarebbe stata l’ opinione della giovanissima pop star relativamente a determinati argomenti oggetto dell’ intervista. E Bieber ha tenuto testa al giornalista che, evidentemente, si aspettava che il cantante avesse qualche defiance. Certo, non saranno, le sue, risposte articolate e piene come quelle che ci si aspetterebbe da un adulto, ma dimostrano che su questi temi Bieber ha sicuramente una sua idea ben precisa.

Justin riferisce che bisognerebbe fare sesso solo con la persona che si ama; vaga,invece, la sua idea relativa all’ aborto: il sedicenne dichiara che non si sente di giudicare una persona che decide di abortire.

Il campo nel quale la pop star è meno forte, però, sembra essere proprio la politica. Justin Bieber dichiara al giornalista di non conoscere ne dettaglio la situazione politica attuale e anche se dichiara che  “qualsiasi cosa abbiano in Corea, quella cosa non va bene”. Il cantante, tuttavia, ha il coraggio di criticare con fermezza il sistema sanitario americano, ricordando al giornalista che in Canada le spese mediche sono gratuite e quindi accessibili a tutti, a differenza degli Stati Uniti in cui rischi di morire se non hai sufficiente denaro per curarti.

A. L.