Manifesti pro mafia, l’autore: “Una provocazione”. Ecco le foto


Agrigento e Piacenza si riempiono di manifesti pro mafia. In seguito alle proteste, il responsabile afferma: “E’ una provocazione artistica”.

Davide Valenti, artista siciliano che vive e lavora a Milano, intende inneggiare alla “libertà di espressione”, più che alla camorra.

Il progetto, finanziato dalla Galleria Placentia Arte, comprende una serie di manifesti shock apparsi a Piacenza e Favara, Agrigento (ve li proponiamo in Photogallery, in fondo all’articolo).

Il logo Mafia – un altro mondo, è su tutti i cartelloni, su cui si leggono le scritte Tasse 40% – Pizzo 20%, con una X sulla voce Tasse e lo slogan Meno estorsione, e, ancora, l’immagine di una lupara e di un pistola accompagnata dalla scritta Più sicurezza.

Come tutte le operazioni artistiche, o presunte tali, inizialmente l’iniziativa non era stata resa nota.

Sia a Piacenza che a Favara si sono scatenate le polemiche, provenienti soprattutto dall’associazione Libera. La referente Antonella Liotti ha dichiarato: “Siamo esterrefatti perché Piacenza sta ospitando familiari di vittime della mafia e quando arriveranno qui, rischieranno di imbattersi in questi messaggi. Stiamo tenendo incontri in tutte le scuole, e questa operazione fa ironia sulle spalle di tanti morti”.

Valenti, in sua difesa, parla di una provocazione artistica: “La causa remota del progetto è la volontà di manifestare la più ampia libertà di espressione possibile, la pubblicità di un cattivo, perché non esiste nulla che non abbia motivo di esistere e che non abbia qualcosa di buono”.

Allo stesso tempo, l’inno alla mafia corrisponderebbe al rivelarsi del “lato oscuro dello Stato”, forse da questo ragionamento viene fuori il paragone tra la percentuale delle tasse, 40%, contro la più ‘economica’ tangente per il pizzo, 20%.

È scattata, in entrambi i comuni, l’intenzione di oscurare i manifesti, mossa vista dall’artista come un tentativo di “censura”.

Valenti aveva già shockato l’opinione pubblica anni fa con un’istallazione sulla bestemmia dal titolo: God is a palindrome.

Cliccando sulla Photogallery sarà possibile vedere le foto dei manifesti pro mafia.

Carmine Della Pia